Pamela Anderson e Julian Assange fidanzati, lei conferma: “Sì, ci amiamo”

«Sì, amo Julian Assange e voglio combattere con lui la guerra per i diritti dell’uomo». Sono parole di Pamela Anderson, che conferma a Vanity Fair le voci sull’amore con il giornalista di Wikileaks.

pam-anderson-julian-assange-love-letter__oPt

Nei piani per il futuro, una casa in Francia, insieme all’ultimo figlio di Julian. La scintilla, racconta l’ex bagnina di Baywatch, è scoccata grazie a Vivienne Westwood: «Ma quando l’ho incontrato, a più riprese, nella sua minuscola stanza nell’ambasciata dell’Ecuador – ricorda Pamela – mi sono accorta che non erano solo i suoi principi a interessarmi». E ora, la relazione tra i due «è talmente straordinaria e complicata che non saprei descriverla», racconta l’attrice, che difende il suo compagno dalle accuse di stupro: «Sono certa che Julian non abbia mai usato la violenza della quale è accusato. Non ci sono prove, a parte un preservativo rotto. È una montatura per estradarlo verso gli Stati Uniti, che vogliono distruggerlo. Per questo chiedo per lui asilo in Francia, come lo chiedo per tutti i rifugiati politici».

Tiziana Cantone, chiesto giudizio immediato per il fidanzato: ma accuse anche per lei

La procura di Napoli ha chiesto il giudizio immediato nei confronti di Sergio Di Palo, il fidanzato di Tiziana Cantone, morta suicida in seguito alla diffusione dei video hard. Le ipotesi di reato sono di calunnia e falsa denuncia. Reati ipotizzati in concorso con la Cantone che si riferiscono in particolare alle accuse rivelatesi infondate nei confronti di cinque persone che erano state indicate dagli stessi fidanzati come responsabili della diffusione in rete dei video e la falsa denuncia di smarrimento dell’iPhone.

tiziana-cantone-835067

Denuncia presentata alla polizia dalla Cantone allo scopo, secondo gli inquirenti, di impedire che si accertasse che l’invio dei video ad una chat privata fosse stata effettuata dallo stesso telefonino. Sulla richiesta di giudizio immediato dovrà pronunciarsi il gip al quale sono stati trasmessi oggi gli atti. Le accuse, contestate dal pm Alessandro Milita, a conclusione dell’indagine coordinata dal procuratore aggiunto Fausto Zuccarelli, si riferiscono ai presunti illeciti relativi alla diffusione in rete dei video. Inchiesta condotta dalla procura di Napoli mentre la procura di Napoli Nord sta conducendo l’indagine per presunta istigazione al suicidio.

Francesca De Andrè choc da Barbara D’Urso: “Mio padre ha massacrato di botte mia sorella”

Francesca De Andrè, nipote di Fabrizio De Andrè, durante la puntata di Domenica Live ha rilasciato delle dichiarazioni choc nei confronti del padre Cristiano.
Tra i due i rapporti non sono mai stati idilliaci ma le accuse che Francesca ha lanciato sono molto forti: “Alice ha 17 anni – acconta alla D’Urso Francesca – se fosse maggiorenne sarebbe qui a raccontarlo.

14908203_1181909935204353_5111727022501650541_n

Quest’estate l’ha letteralmente massacrata di botte. Lei ha sbattuto la testa e si è fatta male, sono intervenute le guardie. Se fossi stata presente io non so cosa sarebbe successo. Mia sorella è dovuta scappare di casa alle 6 di mattina. Quando lei se ne è andata di casa, lui non l’ha nemmeno chiamata o cercata. Lei ora non gli parla più”. Barbara D’Urso visibilmente sorpresa le fa però notare che le accuse lanciate dalla nipote di De Andrè sono molto forti e che se ne deve assumere ogni responsabilità. “Io sono pienamente consapevole di quello che sto dicendo – risponde Francesca – Mio padre ha picchiato mia sorella Alice” . “Hai delle prove”, chiede la D’Urso. “Come prova – prosegue Francesca – ho il suo racconto, quello di sua madre e la parola dello psicologo che la sta seguendo. Alice ha sempre provato a dirmi che mio padre era cambiato, ma la verità è un’altra e ora è venuta fuori”.