Fenicottero rosa mania: i capi più trendy del flamingo style

Esiste una spiaggia nei Caraibi in cui si può fare il bagno con i fenicotteri rosa. E’ un posto magico in cui sogno e realtà sembrano convivere in un universo felice fatto di sole, mare e della natura più selvaggia. Ma se il miraggio di Aruba sembra troppo lontano, a portarci in un’isola tropicale quest’estate ci hanno pensato i designer dei brand più svariati, ispirati da una visione total pink e dal suono del vento tra le foglie delle palme.

41497222

Tezenis, il regno dell’intimo low-cost, ha creato, all’interno della linea beachwear, alcuni modelli dedicati ai volatili più affascinanti del mondo animale. Il bikini e il costume intero sono, tra cut out, criss cross e scollature, un festival di fenicotteri pronto da esibire al primo pool party disponibile. Come se non bastasse, un gigantesco pennuto gonfiabile rosa shocking, su cui farsi immortalare come le migliori fashion blogger, vi attende nei negozi monomarca: pioggia di like e instagrammate garantite.

Red Valentino, con il top stampato in seta, l’abito in faille e la tracolla in cuoio e cascata di perline colorate, segue la tendenza flamingo, con la delicatezza bon ton che contraddistingue da sempre le sue collezioni. La t-shirt di Lauren Moshi, disponibile su Revolve.com, è perfetta per accompagnarci tutta la stagione, così come le ballerine argentate di Asos, sulla cui punta fa capolino un becco rosa, da abbinare alla gonna ampia con le pence acquistabile sullo stesso sito.

Topshop, store inglese di fama internazionale, non è da meno. Dal jeans modello mom con maxi flamingo glitterato, passando per la blusa morbida a fantasia, fino alle zeppe di Waltz illustrate, i fenicotteri non mancano di certo.

E se Sophie Webster ha fatto dell’unione di due fenicotteri stilizzati un logo del suo brand applicato alle borsette pastello e alle decolleté a stiletto, Soludos ha detto la sua con le iconiche espadrillas a base naturale su cui troneggiano due piccoli fenicotteri rosa, uno per scarpa.

Non solo nell’abbigliamento, gli eleganti volatili approdano anche nelle nostre case, portando un pizzico di ironia ed un tocco tropicale. Maison du monde ne riveste cuscini, tessili, e accessori per la cucina, li illumina in una ghirlanda di piccole luci a forma di fenicottero e ne fa una statuetta da posizionare sul tavolino in salotto.

“Caduta libera” riparte su Canale 5 con una puntata speciale

Da lunedì 4 gennaio 2016, alle ore 18.45, torna su Canale 5 “Caduta Libera”, il preserale condotto da Gerry Scotti e prodotto da Endemol Italia. La prima puntata sarà ‘vip’, con undici personaggi del mondo dello spettacolo che si sfideranno per beneficenza.

C_4_foto_1433542_image

Il montepremi andrà infatti a sostegno dei progetti di La Fabbrica del Sorriso 2016.Il meccanismo del gioco è semplice: il concorrente è al centro dello studio, posizionato su di una botola pronta ad aprirsi e a farlo precipitare alla prima risposta sbagliata. Dieci sfidanti lo circondano sistemati su dieci botole identiche e di volta in volta, deve scegliere un avversario da sfidare. Ad ogni risposta errata la botola si apre e il concorrente cade nel vuoto, scomparendo letteralmente dal gioco. Quest’anno il programma introduce delle novità che rendono la gara ancor più entusiasmante. Innanzitutto torna la figura del Campione che da tanto mancava nei quiz. Il vincitore di “Caduta libera”, infatti, potrà tornare nelle puntate successive per difendere il suo titolo. Inoltre, il gioco finale diventa ancor più avvincente; il concorrente avrà a disposizione tre minuti per rispondere a 10 domande e potersi aggiudicare fino a 300.000 euro.”Caduta Libera”, basato sul format israeliano “Still Standing”, è andato in onda in dodici paesi del mondo tra cui Cina, Stati Uniti Spagna e Belgio. Le diaboliche botole sono per molti ma non per tutti. I concorrenti, per poter partecipare, devono infatti avere meno di 55 anni, pesare meno di cento chili e non soffrire di cuore o di mal di schiena e, infine, bandito il tacco 12. A “Caduta Libera” si gioca solo in ‘ballerine’.