Jane Fonda fa la tigre e incontra la pantera

Chi l’ha detto che solamente le giovani modelle possono calcare la passerella? In occasione del primo défilé dedicato alla bellezza organizzato da L’Oréal Paris durante la settimana della moda parigina, tra giovani e quotatissime modelle del calibro di Irina Shayk, Bianca Balti, Thylane Blondeau, Doutzen Kroes, Cheryl Cole, Barbara Palvin e Winnie Harlow hanno sfilato anche le ultra settantenni Helen Mirren e Jane Fonda.

C_2_box_43910_upiFoto1F

Tutte brillavano grazie alla cura del make-up e ai favolosi gioielli Chopard, ma le due attrici di fama mondiale hanno dimostrato classe, bellezza e sensualità al pari delle giovani colleghe, diventando protagoniste dello show sugli Champs Élysées. Merito anche del look particolare.
Helen Mirren ha optato per un mannish style con ampi pantaloni a quadri, scarpa stringata e un maxi trench doppiopetto di Ellery.
Jane Fonda ha invece spiazzato la platea con un abito lungo tigrato di Balmain, con maliziosa zip sul retro, che le fasciava le forme rendendola irresistibile.
La sua falcata “felina” ha attirato l’attenzione di una indiscussa regina delle passerelle, la pantera nera Naomi Campbell che dal parterre ha richiamato Jane Fonda per complimentarsi con lei e abbracciarla calorosamente.

Rihanna, che florido décolleté!

Rihanna promuove la sua linea di bellezza a Madrid e mostra le forme morbide sul red carpet.

C_2_fotogallery_3082848_6_image

A partire dal florido décolleté. E pazienza se negli ultimi mesi ha preso qualche chilo, la pop star è sempre sexy e bellissima. E, a quanto pare, anche di buon umore…

Kara McCullough, la nuova Miss Usa è nata a Napoli

E’ stata incoronata a Las Vegas Kara McCullough, la nuova Miss Usa 2017. Nata a Napoli, dove il padre era un militare della Marina Usa, la venticinquenne reginetta d’America è una scienziata della Nrc (la commissione che regola l’uso civile dell’energia nucleare negli Stati Uniti).

Kara-McCullough-miss-america2

Rappresentante del Distretto della Columbia, Kara McCullough ha battuto Miss Minnesota Meridith Gould e Miss New Jersey Chhavi Verg, aggiudicandosi così la possibilità di rappresentare gli Stati Uniti a Miss Universo.

Halle Berry e la svolta sexy a cinquant’anni

A vedere Halle Berry così non possiamo che avere la conferma sul fatto che più passano gli anni e più le star si scoprono audaci. Halle è sempre stata stupenda e consapevole del suo fascino, tanto che ha iniziato la sua carriera proprio come reginetta di bellezza, ma ora che ha da poco compiuto 50 anni le cose si sono fatte decisamente più sexy.

C_2_box_31817_upiFoto1F

A vedere Halle Berry così non possiamo che avere la conferma sul fatto che più passano gli anni e più le star si scoprono audaci. Halle è sempre stata stupenda e consapevole del suo fascino, tanto che ha iniziato la sua carriera proprio come reginetta di bellezza, ma ora che ha da poco compiuto 50 anni le cose si sono fatte decisamente più sexy.
Il tutto è iniziato qualche mese fa, quando Halle Berry ha pubblicato due scatti di lei in intimo decisamente maliziosi, per lanciare la collaborazione col brand di lingerie Scandale. Poi ecco susseguirsi una serie di red carpet che l’hanno vista sempre più svestita. E’ il nero il colore di elezione di Halle, tra pizzi, trasparenze e pelle scoperta.
Che sia un minidress ricoperto di perline, una tuta trasparente con tanto di lungo strascico (entrambi Atelier Versace) o un completo pantaloni con spacchi (di Ports 1961), Halle Berry sa benissimo come catturare l’attenzione. Una svolta selvaggia, enfatizzata anche dai capelli al naturale e da un trucco minimal, che sta facendo impazzire i fan.

“La bellezza mi impedisce di avere un uomo e delle amiche”, giovane mamma racconta il suo dramma

“Troppo bella per riuscire a trovare un fidanzato”. Questo è il ‘dramma’ di Cherelle Neille, 26, di Manchester, che sostiene che il suo bel viso e il corpo scolpito sono in realtà un problema per riuscire a trovare l’anima gemella, visto che tutti i ragazzi sono solo interessati al suo aspetto esteriore.

donna-bella_11172129

La maggior parte degli uomini approccia a lei con pregiudizi, sostenendo che non abbia personalià. Cherelle è una mamma single e aspirante attrice che da tempo è alla ricerca di un uomo che possa essere il suo compagno di vita: «il mio aspetto fisico», afferma la donna al Sun, «trasmette agli uomini un’idea sbagliata di me e crea molti pregiudizi». I ragazzi che ha frequentato recentemente si sono solo preoccupati di mostrarla agli amici, come se fosse un trofeo: «Quando parlo non mi ascoltano, vogliono solo guardarmi, portarmi a letto ed esibirmi», ha ribadito amareggiata. La situazione non è migliore con le donne, cosa che le rende difficile anche farsi delle amiche: «Le ragazze sono gelose, mi escludono e tutte mi vedono come una potenziale rivale, qualcuna che potrebbe sottrarle dalle attenzioni del loro uomo».

Beve un bicchiere della sua urina ogni giorno: “Mi aiuta a stare in forma e a curarmi”

Beve ogni mattina un bicchiere di urina calda e se ne spruzza un po’ sul viso. Quella di Dave Murphy, 54 anni, sembra essere una vera e propria routine di bellezza. L’uomo ha perso 48 chili grazie a questo trattamento fai da te.

Father-of-two Dave Murphy, 54, drinking a glass of his own urine, from Basildon, Essex, Thursday 4th May, 2017. Dave has drank nothing but his own urine for the last five years and believes it to be the elixir of life, holding it responsible for his astonishing 8-stone weight loss, youthful looks and tip-top health. Dave Ð who went from 20 stone to 12 stone after drinking his own wee  Ð also believes that the practice of urine therapy could be a means of solving the world food shortage Ð and slashing peopleÕs grocery bills.  As most days, Dave survives on little else besides one grapefruit and two glasses of his own urine. His only indulgence is a small portion of chips from his local chippy three times per week. In fact for thirty days in 2012, Dave subsisted on nothing else but his own urine. Dave also uses his urine to moisturize his face and wash in. He maintains that wee is the ultimate anti-aging product.   ... SEE COPY AND VID   É  PIC BY NEWS DOG MEDIA É  +44 (0)121 517 0019

L’uomo è stato costretto a bere urina quando nel 2012 è rimasto disperso per 30 giorni, notando dei benefici sul suo corpo, ha così deciso di proseguire anche in casa: «Inizialmente la bevevo fredda», ha confessato l’uomo a Metro, «poi mi sono reso conto che calda dava anche maggiori benefici». Grazie alla sua urina Dave ha detto di aver perso oltre 40 chili, in questo modo infatti, ha meno bisogno di nutrienti dal cibo e dalle bevande, ottenendo attraverso la sua stessa pipì tutto quello di cui il corpo ha bisogno. «L’urina non fa bene solo se bevuta», ha aggiunto Dave, «dà molti benefici anche se ci si lava con essa: è un ottimo prodotto anti invecchiamento e aiuta anche nel trattamento dei dolori». Non è stato semplice ovviamente, inizialmente ha ammesso di essere stato disgustato all’idea di bere la propria urina e la mescolava con il succo di pomplemo, poi è riuscito a superare il suo blocco psicologico e oggi non potrebbe più farne a meno.

Fino alla vita è una donna come tante, Randalin a figura intera lascia senza parole

La donna esile e con poche forme uno standard di bellezza del passato? A giudicare da alcuni modelli, come Kim Kardashian o la magnifica Beyoncé, potrebbe non essere lontano il momento in cui donne formose e decisamente più morbide si sentiranno finalmente libere di mostrarsi senza alcuna remora.41199143

E la tendenza è in atto anche sui social, come nel caso di Randalin, una star di Instagram che vanta oltre 625mila follower e un bacino dal diametro di 180 centimetri.
La giovane neomamma mostra con fierezza le sue forme, dovute in realtà a un linfedema alle gambe che provoca gonfiore e ritenzione di liquidi.
La ragazza incita le donne a prendere consapevolezza del proprio corpo e ad accettarlo con orgoglio. A causa dell’evidente sproporzione tra una vita sottile e un bacino largo, alcuni le hanno mosso l’accusa di ritoccare le sue foto. Così, per fugare ogni dubbio, Randalin non risparmia video inequivocabili.
Randalin ha anche trovato un modo di far fruttare la sua peculiarità fisica, pubblicando video e foto visibili solo a pagamento.

Levante: “Metto a nudo il mio dolore, si cade ma la vita sorprende sempre”

Che si possa fare musica rifiutando i talent Levante ne è la prova. La cantautrice (Claudia Lagona, ndr) è al suo terzo album, i suoi live sono sempre sold out e collabora con artisti come Max Gazzè, Fedez e J-Ax (Assenzio, ndr). Allontana il paragone con Carmen Consoli e va dritta verso la sua strada, che a 30 anni le permette di raccontare, come fa “Nel caos di stanze stupefacenti” che esce il 7 aprile, di quando si cade e ci si rialza dal dolore guardandosi allo specchio. Ma anche di abuso di social, violenza sulle donne e omosessualità…

C_2_articolo_3064634_upiImagepp (4)

E’ un album dedicato a chi è caduto e ha avuto il coraggio di rialzarsi, a me stessa in realtà, perché c’è tanto di me, perché nel dolore la vita ti sorprende sempre”, sottolinea. Immagina il disco come dodici stanze, in cui appunto ci si specchia: “In queste stanze c’è molto rumore, avevo bisogno di raccontare il caos che nasce dal profondo silenzio in cui mi sono ritrovata nell’ultimo anno”.
Quel dolore che le permette di mettersi a nudo, come nella cover del disco, in cui Levante appare bellissima, in slip e canotta mostrando le gambe, ma lo fa con il candore di una bambina: “Qualcuno ha criticato negativamente la foto e mi è dispiaciuto: se avessi voluto mettermi in mostra in maniera sexy avrei fatto altro. Io, nella mia stanza, sono così. E così mi sono voluta mostrare: una bambina di fronte a uno specchio”.
Lo stesso specchio che spesso ritroviamo nei social, che la cantautrice frequenta, senza però abusare come racconta nel primo singolo “Non me ne frega niente”: “Sono stata aggredita verbalmente dopo il mio giudizio negativo sul modo di manifestare solidarietà a Parigi in occasione degli attentati. Quello che è accaduto su Facebook dopo i fatti del Bataclan mi ha spinta a scrivere ‘Non me ne frega niente’. Rimasi scioccata, quel modo di esserci non mi era piaciuto e ricevetti commenti pesanti. Io non critico la rete, ma il modo poco educato di utilizzarla. Credo non ci siano grandi differenza fra realtà e internet, ma per strada non useresti mai quei modi che invece vengono utilizzati sui social. Mi dissocio dalla maleducazione”.
Nell’album Levante affronta anche temi come la violenza sulle donne e omosessualità. In “Gesù Cristo sono io” canta “una donna che si crede una regina ma in testa ha una corona di spine”: “Sono abituata a scrivere di me, questa volta, senza grandi pretese, ho voluto raccontare la storia delle donne maltrattate. Ho preso spunto da fatti biblici per raccontare la situazione di quelle donne che non hanno più il coraggio di esporsi. Perché, quando ami il tuo carnefice, non è facile chiedere aiuto”. Mentre “Santa Rosalia” è “una filastrocca dedicata a un’amica, scritta come se si volesse spiegare l’omosessualità ai bambini, con semplicità, parlo di una persona a me molto cara”.
La gavetta l’ha fatta nei pub e nei locali, ha detto no a X Factor ma oggi è soddisfatta: “Nel 2010 fui contattata per X Factor, invece decisi di partire per Leeds e di dormire per mesi sul pavimento del bagno. Forse non ho fatto la scelta giusta (ride, ndr). Non giudico chi fa i talent, credo siano due strade diverse ma comunque faticose. Ci vuole coraggio anche a fare tv, c’e’ il rischio di essere dimenticati. E’ necessario avere progettualità, altrimenti diventa un pericoloso salto nel vuoto”. Ma un giorno, forse, la vederemo a Sanremo: “E’ un palco che continuo ad ambire. Mi è caro, sono cresciuta guardandolo. In realtà sogno Pippo Baudo: sarebbe bello se potesse dire ‘l’ho inventata io’…”.

Ashley Graham, backstage bollente tra bikini e topless

3D4225BE00000578-0-image-a-1_1487195467520Ashley Graham è una musa di bellezza non solo per modelle curvy. Nella sua carriera ha collezionato un sacco di riconoscimenti, tra cui la cover di Sports Illustrated Swimsuit Issue, e la nomina a giudice di America Next Top Model. La 28enne ammette di piacersi anche con la cellulite ed è una bomba sexy. Guarda il backstage di Sports Illustrated…

Cristina Plevani, fisico al top per l’ex gieffina!

C_2_fotogallery_3009572_0_imageTra tutti i vincitori del Grande Fratello una sola è veramente rimasta impressa nella memoria degli italiani forse perché era la prima. Tutti ricordano la sportiva Cristina Plevani innamorata del compianto Pietro Taricone. Ora a 16 anni di distanza dal reality la ritroviamo molto cambiata.
Quasi quarantacinque anni, fisico scolpito e tatuaggi in primo piano per la vincitrice della prima edizione del Grande Fratello. A bordo vasca l’ex concorrente sfoggia un mix di costumi originali mettendo a nudo curve di tutto rispetto. Sfoglia la gallery…