Il dramma di Alba Parietti: “Ho avuto il cancro…”. Il post choc

A pochi giorni dalla puntata di Report sui vaccini contro il papilloma virus, in un post su Facebook Alba Parietti racconta il suo dramma: “Anch’io ho avuto il cancro”. Ecco il suo racconto: “Nell’estate 1997 a 36 anni a causa del papilloma virus, venni sottoposta d’urgenza, a un’operazione chirurgica che ,grazie alla prevenzione e allo scrupolo del mio ginecologo si rivelò risolutiva.

Alba_Parietti_2

Il papilloma mi aveva causato una neoplasia grave, tradotto in termini semplici: un cancro maligno al collo dell’utero, che senza la prevenzione mi avrebbe certamente portato a gravissime conseguenze. Se non alla morte in altri tempi”.
E continua: “Tutto era dovuto alla degenerazione del papilloma e trascuratezza da parte di medici poco capaci di fare diagnosi precoci. Pap test, colposcopia e biopsia che mi permise di prendere atto della mia grave patologia. Il papilloma non porta sempre al cancro, intendiamoci, ma può degenerare, va tenuto sotto controllo, se contratto . La vaccinazione è importante a mio avviso”. Per Alba fortunatamente c’è stato un lieto fine. “La mia storia è stata fortunata e io ho vissuto serena , ho avuto una vita assolutamente felice e normalissima, non bisogna avere paura di sapere, si combatte il nemico se lo si riconosce. Dopo l’intervento, tutto bene e senza conseguenze, festeggiai con le amiche che mi avevano accompagnato supportato, uscii senza nemmeno terapie successive di chemio o radio, ma dovetti fare solo un secondo intervento anni dopo che ha risolto definitivamente il problema. Senza menomazioni o traumi. Prevenire il peggio. La medicina e la ricerca ha fatto progressi. La prevenzione salva la vita. Le vaccinazioni pure. Progrediamo anche noi”.

Brenda di Beverly Hills 90210, combatte il cancro: lacrime su Instagram mentre rasa i capelli

Siamo stati abituati per anni a vederla nei panni di Brenda Walsh, l’eccentrica gemella di Brandon (alias Jason Priestley), protagonista della fortunata serie tv “Beverly Hills 90210”. Ma oggi Shannen Doherty, 45 anni, sta combattendo la sua battaglia più importante. Come riporta il sito del Corriere della Sera, dallo scorso agosto l’attrice fronteggia un cancro al seno.

1866704_b6

E la battaglia continua tuttora. L’artista si sta sottoponendo alla terapia per ridurre la massa tumorale prima dell’intervento. Doherty ha deciso di condividere questa prova così importante con i fan e su Instagram ha condiviso le foto che la ritraggono con due amiche mentre si rasa i capelli.I commenti commossi dei suoi sostenitori da tutto il mondo non si sono fatti attendere: “Sii forte, non arrenderti mai”.

Céline Dion, un altro lutto: dopo il marito muore anche il fratello Daniel

Doppio lutto, nel giro di poche ore, per Céline Dion. Dopo la scomparsa del marito, René Angélil, anche il fratello della cantante canadese, il 59enne Daniel, è morto. Entrambi hanno perso la loro battaglia contro il cancro.

dion

L’annuncio della scomparsa è apparso sulla pagina Facebook della stessa Dion. Daniel era l’ottavo dei tredici tra fratelli e sorelle dell’artista e soffriva da tempo di cancro alla gola, alla lingua e al cervello. “È questione di ore o giorni – aveva detto la sorella Claudette al Journal of Montreal -. La mia famiglia è molto provata”. Daniel è morto in ospedale nella nativa Montreal il giorno successivo all’intervista, circondato dai famigliari, compresa la madre 88enne Therese.
Assente, invece, la sorella Céline, impegnata a organizzare da Las Vegas i funerali del marito, che si terranno venerdì 22 gennaio nella chiesa di Notre Dame a Montreal, la stessa in cui la coppia si è sposata nel 1994.

Salma Hayek: “I capelli di mia figlia per dare una parrucca a un bimbo malato di cancro”

Tale madre, tale figlia. Valentina Henri-Pinault, primogenita del miliardario francese François e dell’attrice Salma Hayek, sembra aver ereditato dall’illustre genitrice non solo i tratti somatici. Allo stesso modo della splendida interprete di “Desperado”, da sempre in prima linea nelle più disparate cause umanitarie, oltre che per un bel visino che tradisce le sue origini latine, la bambina, nove anni appena, pare spiccare infatti pure per sensibilità.

tettesalmahayek

Come sottolineato con fierezza dalla quarantanovenne star messicana sul suo profilo Instagram, la piccola ha deciso di rendersi protagonista di una bella iniziativa di beneficenza, subito premiata da centinaia di commenti e da migliaia di “like” social: “Si sta facendo crescere i capelli per tagliarli e donarli per fare una parrucca per i bambini malati di cancro. Questo è lo spirito del Natale”. A sentire la Hayek, sposata con Pinault dal 2009, l’idea sarebbe partita proprio dalla stessa Valentina: “La sua chioma e lunga ed è molto difficile tutte le mattine pettinarla – ha raccontato la diva in un’intervista a “Paris Match” -. E poi è complicata da sopportare”. Perciò, ha aggiunto l’attrice, “aspetteremo che le cresca un po’ in modo da donare una buona quantità di capelli a un bambino malato”. Impegnata soprattutto nel contrasto alla violenza di genere e nella battaglia contro qualsiasi tipo di discriminazione verso gli immigrati, negli ultimi anni la Hayek è balzata agli onori delle cronache anche per le sue tante e generose donazioni filantropiche: nel febbraio 2006, ad esempio, regalò 25mila dollari al Comune di Coatzacoalcos, sua città natale, e 50mila a quello di Monterrey per finanziarie compagne finalizzate a sensibilizzare l’opinione pubblica sul dramma degli abusi contro le donne. Non mancano poi i gesti da ricordare in favore dell’infanzia, – nel 2009 andò in Sierra Leone in missione per l’Unicef e per il tema dell’allattamento materno – piccoli grandi esempi, a quanto pare, apprezzati e subito messi a frutto dalla sua Valentina.

Anastacia, 15 anni di successi: “Ho lottato per mantenere vivo il mio sogno”

È uscito “Ultime Collection”, un album che raccoglie i più grandi successi di 15 anni di carriera di Anastacia con l’aggiunta di due brani inediti: “Army Of Me”, cover della canzone di Christina Aguilera, e “Take This Chance”. “Sono orgogliosa della mia carriera – dice lei a Tgcom24 -. All’inizio sembrava un sogno, poi ho dovuto lottare per mantenerla nonostate la malattia. Ora voglio solo positività”.

anastacia3-600x450

E di cose negative Anastacia ne ha dovute affrontare non poche, come il cancro al seno che due volte, nel 2003 e poi 2013, l’ha colpita. Lei, piccola donna di Chicago dalla grande voce soul, è arrivata prepotentemente alla ribalta nel 1998 con “I’m Outta Love”. Poi sono arrivati successi uno dietro l’altro, come “Paid My Dues”, “Left Outside Alone” e “Sick And Tired”, fino ad arrivare al duetto con Eros Ramazzotti sulle note di “I Belong To You”. Tutti ovviamente presenti in questa raccolta che mette un punto alla sua carriera in vista di un tour che le farà portare in giro il meglio di quanto fatto. In Italia l’appuntamento è per il 20 luglio, al Lucca Summer Festival. Ci accoglie con una risata contagiosa che sprizza gioia da ogni poro anche se arriva alla fine di quella dovrebbe essere una estenuante giornata di incontri promozionali. “Sono sempre felice quando si tratta di fare promozione – ci dice lei – perché per me è l’occasione per esprimere i sentimenti che nutro sui progetti che mi coinvolgono in quel momento. Mi dà energia, perché ho sempre grossa passione riguardo quello che sto facendo”.

Molti artisti dopo un po’ di anni di carriera vivono la promozione come un peso, si annoiano…
Per quanto mi riguarda credo che anche le sfide che ho dovuto affrontare riguardo la mia salute mi abbiano reso ancora più grata anche solo per la possibilità di fare una promozione. Cosa sarebbe accaduto se non avessi potuto farla? Ogni volta potrebbe essere l’ultima e capisco l’importanza di poter esprimere direttamente a qualcuno quello che penso invece di scrivere un messaggio che poi qualcun altro leggerà…”.

E quali sono i tuoi sentimenti di fronte a un album che racchiude 15 anni di carriera?
Sono molto orgogliosa. Ed eccitata per il prossimo, l’idea di fare tante di queste canzoni tutte in una volta è elettrizzante. Sarà un tour per me speciale perché so che mi troverò di fronte un pubblico in qualche modo nuovo, ci saranno molti di quelli che all’epoca erano troppo giovani per venire a vedermi. Avevano magari all’epoca 10 anni e adesso verranno guidando la loro macchina e pagando con i loro soldi. E’ bellissimo ed è come se avessi una seconda occasione con un pubblico nuovo.

Come mai hai scelto di reinterpretare “Army Of Me” di Christina Aguilera?
In realtà non l’ho scelta dopo averla sentita da Christina ma attraverso l’autore del brano. Quando l’ho sentita ho voluto immediatamente fare e sono andata in studio. All’inizio ho anche avuto qualche difficoltà a entrare nel pezzo e ho dovuto abbassare la tonalità ed è venuta perfettamente. E solo in quel momento, a cose fatte, ho scoperto che l’aveva cantata l’Aguilera!

E cosa hai fatto?
Ho voluto subito sentire la sua versione e mi sono resa conto che non sembrava nemmeno la stessa canzone. Sono rimasta scioccata! Voglio dire: era lo stesso brano ma abbiamo dato due versioni completamente diverse. Capisco la sua interpretazione, cosa ha sentito nel pezzo, e mi piace molto. Ma è una cosa diversa.

Nell’altro inedito, “Take This Chance” tornano temi per te ricorrenti...
Negli ultimi anni le cose che ho scritto hanno messo in mostra lati più sensibili e vulnerabili di me. Credo sia importante di ricordare alla gente che non c’è nulla di male a mostrarsi vulnerabili e cogliere le proprie occasioni. E non avvolgersi in un bozzolo terrorizzati dalle cose.

Quando 15 anni fa sei improvvisamente diventata popolare, come ti figuravi il tuo futuro?
Non sapevo nemmeno se avrei avuto un futuro come cantante. Quando hai un contratto discografico tutto cambia. Il mio avvocato continuava a ripetermi: “Da ora nulla sarà più lo stesso” e io rispondevo “ok”, per quanto non avessi idea di cosa intendesse. Credo che loro sapessero che avevo il potenziale per diventare una stella internazionale e io non mi capacitavo.

Pensavi di non essere all’altezza delle aspettative?
Semplicemente mi ero battuta allo stremo per entrare nel music business ma l’ultima cosa che pensavo è che ce l’avrei fatta. Solo perché registri un disco non significa che la gente lo comprerà. E anche una volta che lo ha comprato… lo ascolterà? Sono stata travolta da tutto questo e dopo il terzo album ho pensato… “ok, forse è il caso che mi prenda una pausa”.

Poi è arrivata la malattia…
Quando mi sono dovuta fermare per il cancro mi sono sentita così in colpa che ho dovuto immediatamente tornare al lavoro, non volevo più perdere tempo. Era una sorta di circolo vizioso: ogni volta che volevo prendermi un po’ di tempo arrivava la malattia. Non è stato facile provare a tenere una carriera stabile e di successo stando male tutto il tempo.

Tanto nei momenti belli che in quelli difficili, i tuoi fan sono sempre stati particolarmente calorosi. E’ cambiato il tuo rapporto con loro in quest’epoca di social?
Mi sarebbe piaciuto entrare in questo mondo prima ma ero spaventatissima da tutto ciò che riguarda computer e internet. Non avevo profili ufficiali e cose del genere. Da qualche tempo ci sono entrata e… lo trovo molto divertente. Certo, non tutto è positivo ma sono le opinioni di chi scrive. Mi prendo la positività che può arrivare da questi. Non ho tempo da perdere con le cose negative.