Kate Middleton rosso fuoco… con Carlo

Abbronzata, con una folta chioma lucente e molto rilassata. Almeno all’apparenza.
Tornata dalle ferie – top secret nel sud della Francia – insieme ai figli George e Charlotte e al marito William, Kate Middleton si è subito buttata negli impegni ufficiali. Pare che in questi giorni William e Kate abbiano in programma ben 11 eventi.

Kate-Middleton-abito-e-clutch-LK-Bennett-pump-Gianvito-Rossi-orecchini-Kiki-McDonough

Artefice di un’agenda così fitta sarebbe il principe Carlo che, secondo il gossip di corte, costringerebbe il figlio maggiore a un tour de force di appuntamenti, pretendendo anche la presenza della nuora, che preferirebbe invece trascorrere più tempo coi bambini.
Il consenso popolare dei duchi di Cambridge sarebbe motivo di gelosia per un Carlo in perenne attesa di diventare re.
Per la visita all’associazione benefica Young Minds a Londra, Kate Middelton ha scelto un abitino di uno dei suoi brand preferiti, L.K. Bennett.
Scollo tondo, maniche corte e gonna leggermente a ruota con impunture. Quello che colpisce è la tonalità, un rosso accesso che, seppur già sfoggiato da Kate, non è tra le sue nuance preferite.
Un colore fiero e battagliero per affrontare i battibecchi familiari con grinta e stile.

Carmen Consoli: “Quell’uomo sconosciuto che mi ha regalato Carlo”

La sfida di crescere il figlio senza un padre, la scelta di avere Carlo grazie a un donatore sconosciuto. Per la prima volta Carmen Consoli apre i cassetti più segreti della sua vita e lo fa in una lunga intervista al settimanale “Grazia”.

C_4_foto_1283792_image

La “cantantessa”, 41 anni, racconta del viaggio in clinica accompagnata dalla mamma: “Per il mio bambino ho scelto il seme di una persona disponibile a essere contattata”.”Non voglio che Carlo (che ha due anni e mezzo, ndr) – prosegue – passi la vita a cercare suo padre negli occhi di un uomo. E’ stato mio papà, scomparso nel 2009, a suggerirmi l’idea di avere un figlio da sola. Era anticonformista, libero, convinto della enorme superiorità delle donne”. Carmen desiderava tanto un figlio: “Credo di essere nata mamma, ma stavo diventando grande… poi ho visto Gianna Nannini e ho pensato ‘Allora si può fare’. Così ho deciso di andare all’estero per una fecondazione assistita. E’ stata una esperienza molto forte ma molto bella”.
Decidere di non dare un padre al figlio però è stata molto difficile: “Ci ho pensato a lungo, ho avuto un papà fantastico, ma poi ho capito che la cosa più importante era garantirgli un nucleo di amore. Il mio bambino cresce circondato da una famiglia. Ho scelto un donatore disponibile a essere contattato, se e quando Carlo vorrà conoscerlo”. Anche la Consoli è curiosa di conoscere l’uomo che l’ha resa madre: “Moltissimo, lo immagino come una specie di vichingo, grande e grosso, perché Carlo è così. Secondo me è buono e intelligente, certe cose le sento”.
La maternità l’ha cambiata: “E’ come una lente che magnifica tutto. Ogni cosa viene impreziosita da questa presenza che mi ha riempito di senso della vita”. Per la cantautrice non è “ancora il momento dell’amore”, anche se ci spera: “Non sono ancora riuscita a costruire un rapporto solido con qualcuno ma sento che a 55 anni magari mi sposerò”.