“Non ti sposo perché sei grassa”, Jennifer a 26 anni perde 57 chili

Patatine, cioccolatini, caffè, cibo cinese, alimenti take-away, bibite gassate erano la base della sua alimentazione, così Jennifer Ginley, 26enne di Liverpool, in breve tempo è ingrassata a dismisura arrivando a pesare 120 chili. In poco tempo il suo peso ha iniziato ad essere un problema: non poteva salire sulle montagne russe e, addirittura, aveva bisogno di un estensore della cintura di sicurezza quando viaggiava in aereo. Così Jennifer ha iniziato a non voler uscire e a vergognarsi di se stessa.

obesa-matrimonio_28171801

«Da piccola non ero in sovrappeso, poi quando sono andata al college è cambiato tutto. Vivevo lontano da casa e ho messo su 30 chili dopo essermi laureata», ha raccontato la donna al Daily Mail. Ogni tentativo di avere uno stile di vita sano è stato vano fino a quando il suo fidanzato, con sui stava insieme da 11 anni, le ha detto che si rifiutava di chiederla in moglie perché non avrebbe voluto una sposa “grassa”. Per Jennifer è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso: si è messa a dieta, ha iniziato a fare esercizio fisico e in un anno ha perso 57 chili. La ragazza è stata anche nominata Miss Slinky del Slimming World 2017, si sente molto meglio, e ha anche ricevuto l’attesa proposta.

San Valentino, fiori e cioccolatini? Ecco cosa vogliono realmente le donne

San Valentino si avvicina e per i più romantici che vorrano festeggiare la ricorrenza è tempo di regali, ma non necessariamente si deve pensare a cioccolatini e rose rosse. Secondo il portale CougarItalia.com sono molte le donne mature che ai classici pensierini preferirebbero ricevere dai loro partner un sex toy.

Alta_3233017_

Lo stesso sito offre idee e spunti di ispirazione. Il 40% delle 40enni sogna di spacchettare un frustino, dei set da bondage o un capo di abbigliamento sexy. Il 30% delle intervistate, invece, ha ammesso di preferire un sensuale book fotografico, mentre il 25% vorrebbe partire per un week end in compagnia del proprio partner. Solo il 5% si “accontenta” dei classici fiori e cioccolate.