Ad ogni puntata Belen accorcia la gonna

Splendida, sensuale, spigliata: Belen Rodriguez a Selfie – Le Cose Cambiano. Inutile sottolineare che una delle chiavi del successo del programma è proprio lei.
Belen Rodriguez al pubblico piace, e molto. Inutile dire che piace alle donne che vorrebbero essere come lei e agli uomini che ne aprezzano la sensualità.

C_2_box_33928_upiFoto1F

Piace agli amanti del gossip per la presenza dell’ex marito Stefano De Martino. Piace agli invidiosi, che non perdono una puntata per poi criticarla sui social network. Piace agli insicuri, che seguono Selfie con speranza di rivalsa.
Autostima e sicurezza Belen Rodriguez ne ha da vendere. Si muove benissimo sul palco, poi lavora molto sull’outfit. In queste quattro puntate, la showgirl ha puntato sulle gambe. Minidress al cardiopalma per valorizzare la sua falcata sicura: Amen e La Perla.
Più va avanti il programma… più Belen accorcia la gonna! Sembra questo il dress code dell’argentina per questa edizione di Selfie. Cosa dobbiamo aspettarci per l’ultima puntata?

Star senza specchio: le peggio vestite del 2016

Ci sono donne bellissime che scelgono abiti sbagliati e ci sono donne che, nonostante siano tutt’altro che perfette, optano comunque per look che non le valorizza affatto. Infine c’è chi, se un abito non è trash non se lo mette proprio. Passano gli anni, cambiano le collezione ma il mood non cambia: a fine anno si fa sempre la classifica delle peggio vestite.

c_2_box_20973_upifoto1v

Il 2016 ha regalato molto in questo senso, con tante star che hanno fatto a gara per accaparrarsi il vestito meno adatto. Come non partire da Madonna al Met Gala con una tuta in pizzo di Givenchy, scotch sui capezzoli, tiara in testa e fasce nere? Pizzo mal riuscito anche per Lara Stone, che però il seno lo mostra tutto.
Puntano sul lato A anche Nicki Minaj, bicolore e sfacciata in un abitino viola e arancione di Balmain e una Kim Kardashian futurista con stivaloni Balenciaga e abito trasparente color bronzo. Omaggia invece il film Romeo + Juliet Keke Palmer. L’attrice americana è indefinibile con un completo in pvc di Namilia con tante foto di Leonardo DiCaprio nelle scene della pellicola.
Smessi abiti teatrali e platform da 30 centimetri, Lady Gaga ha deciso di mostrarsi più al naturale. Ma tra i minishorts e il top tagliato svela davvero troppo.
E ora torniamo sul red carpet. Donna stupenda ed elegante, Nicole Kidman ha fatto diverse scelte discutibili quest’anno sul tappeto rosso, come l’abito con fiocco (o è un cigno?) di Versace. Se Rita Ora tiene uniti piccoli pezzi di tessuto con le corde in nuance, Elettra Lamborghini copre (pochissimo) con le forme geometriche. Infine cosa dire Giulia Salemi e Dayane Mello al Festival di Venezia? Meglio tacere.

Gli uomini stressati preferiscono le curvy

Bionde o more, l’importante che siano curvy. Sono proprio le donne formose quelle ad essere preferite dagli uomini, almeno quelli stressati, che come rivela un nuovo studio inglese, tenderebbero a essere attratti dalle donne con qualche chilo di troppo. Secondo i ricercatori della University of St Andrews, in Scozia, più un uomo è sottoposto a esperienze stressanti, più tenderà a trovare attraente una donna dalle forme generose, come la modella statunitense Ashley Graham, preferendola a ragazze dal corpo esile.

Ashley-Graham-Lingerie-Cinquanta-Sfumature-di-Grigio-modelli-640x320

Gli esperti, scrive il ‘Mail Online’ ritengono che le donne troppo magre risultano più fragili e meno predisposte alla riproduzione agli occhi di chi è sotto stress. La ricerca ha coinvolto un gruppo di uomini, tutti sulla ventina, che sono sottoposti a 10 giorni di duro allenamento in un campo di addestramento militare. A tutti sono state mostrate le immagini di 5 donne, chiedendogli di indicare, con intervalli di tempo di tre giorni, quella che consideravano più attraente.  Gli uomini che hanno riportato un alto livello di stress hanno trovato più attraenti i volti di donne formose e mascoline, mentre il gruppo di quelli più rilassati ha optato, al contrario, per donne più emaciate. “Questo studio – ha detto Carlota Batres, ricercatrice della St Andrews University – mostra che le nostre preferenze sessuali variano a seconda della situazione e dell’ambiente nel quale ci troviamo”.  La ricerca, pubblicata sul giornale ‘Ethology’, suggerisce inoltre che una donna con un fisico particolarmente asciutto può suscitare l’idea della malattia in un uomo particolarmente stressato. “Studi condotti in passato – ha evidenziato uno degli autori della ricerca, il professor David Perrett – hanno dimostrato che le popolazioni che vivono in parti del mondo dove la vita è dura preferiscono donne con qualche chilo in più”.

Vanessa Incontrada, stilista per le curvy: “Mangiate”

Solare, sempre sorridente, eclettica, contemporanea, ottima attrice e presentatrice tv, mamma e compagna ideale, Vanessa Incontrada, 37 anni, arricchisce il suo curriculum e a Milano durante la Fashion Week presenta la sua capsule collection dedicata alle donne curvy e alle modelle consiglia: “Mangiate“.

C_2_fotogallery_3005211_0_image

“Gli stilisti non devono penalizzare le donne facendole sentire grasse anche solo con una taglia 44” ha detto la Incontrada nel concept store Miroglio in Piazza della Scala. “Ho iniziato nel campo della moda a 16 anni e solo dopo alcuni anni sono passata alla TV ed al Cinema – ha dichiarato Vanessa – Non ho però mai smesso di seguire con attenzione l’evoluzione della moda in termini di tendenza, tessuti, ecc. fino aprire un mio negozio. Era da tempo che desideravo creare una vera e propria collezione di abbigliamento con il mio nome e quando ho ricevuto la proposta da Elena Mirò ho capito che era arrivato il momento giusto”. E così sulle pareti del concept appaiono gli scatti di Vanessa modella, fotografata da Gian Paolo Barbieri, accanto a una splendida Incontrada stilista, pronta a ridisegnare le forme delle donne per farle sentire sempre più sexy.

“Sei brutta come la morte”: la figlia di Beyoncé presa di mira sui social

“Sei brutta come la morte”: è stato questo il commento più pesante indirizzato alla figlia di Beyoncé, Blue Ivy, presa di mira sui social dopo essere apparsa con la mamma sul red carpet degli ultimi  MTV Video Music Award.La cantante ha pubblicato le foto sul suo profilo Instagram e i fan hanno subito criticato l’aspetto fisico della bambina di soli quattro anni.

beyonce-blue-ivy-insulti-638x425

Il popolo del web si è scagliato contro la piccola, figlia di J-Az, nonostante la tenera età. “Mi dispiace, ma credo che Blue Ivy sia proprio brutta”, il commento di un’altra utente.
La maggior parte degli insulti siano arrivati dal mondo femminile, da donne adulte che, secondo gli psicologi, sarebbero state abituate a essere insicure e giudicate sin dall’infanzia.Blue Ivy ha suscitato l’interesse dei media e dello showbiz per lo sgargiante vestito indossato per l’occasione, un abito da 10 mila euro che la faceva assomigliare ad una vera principessa.

Anne Hathaway, appello alle donne in gravidanza: “Non vergognatevi dei chili presi, è tutto amore”

Pochi mesi fa, in marzo, Anne Hathaway è diventata mamma del suo primo figlio, Jonathan Rosebanks Shulman, nato dall’amore col marito Adam Shulman, sposato nel 2012. L’attrice premio Oscar si sta godendo il fantastico momento della maternità senza preoccupazioni di sorta, neanche quelle legate al suo corpo, come accade a molte neomamme.

1439571448356.jpg--

Anzi, la Hathaway ha lanciato dalla sua seguitissima pagina Facebook un appello a tutte le donne, che abbiano o meno un figlio, a non vergognarsi dei chili presi in gravidanza o in qualsiasi altra circostanza, e a non lasciarsi condizionare dalle parole degli altri. “Non bisogna vergognarsi di aver preso peso durante la gravidanza o in altri periodi. Non bisogna vergognarsi se perdere peso richiede più tempo del dovuto (nel caso aveste intenzione di perdere peso). Non bisogna vergognarsi di crollare e arrivare a crearsi il proprio paio di shorts, perché quelli che usavate l’estate scorsa sono dannatamente troppo corti per le cosce che vi ritrovate ora. I corpi cambiano, i corpi crescono, i corpi si riducono. È tutto amore. Non lasciate che qualcuno vi dica il contrario. Pace”.

Scudetto & gossip, guarda le donne vincenti

Per i bianconeri è il quinto scudetto di fila, ma in tribuna si sono avvicendate tante wags. Ecco le new entry e quelle storiche che da anni festeggiano accanto ai calciatori. Da Alice Campello, neofidanzata di Alvaro Morata, passando per Federica Pignotti, fidanzata di Stefano Sturaro, Antonella Cavalieri con Paulo Dybala fino ad Alessandra Sinopoli, moglie di Claudio Marchisio, Carolina Bonistalli, moglie di Giorgio Chiellini e Martina Maccari con Leonardo Bonucci…

C_2_articolo_3005051_upiImagepp

L’ultima in ordine di tempo ad entrare nella fila bianconere è Alice Campello, la modella di Venezia, fidanzata di Alvaro Morata. Ma con lei le giovanissime fidanzate di Dybala e Sturaro, riempiono i social di scatti sexy e provocanti da sole o in coppia. Vecchie guardie delle tribune dello Juventus Stadium di Torino ci sono le moglie di Chiellini, Marchisio, Bonucci. Per Buffon un altro titolo da festeggiare con Ilaria D’Amico, che lo ha reso padre del suo terzogenito. Ecco una carrellata di splendide wags vincenti.

San Valentino, fiori e cioccolatini? Ecco cosa vogliono realmente le donne

San Valentino si avvicina e per i più romantici che vorrano festeggiare la ricorrenza è tempo di regali, ma non necessariamente si deve pensare a cioccolatini e rose rosse. Secondo il portale CougarItalia.com sono molte le donne mature che ai classici pensierini preferirebbero ricevere dai loro partner un sex toy.

Alta_3233017_

Lo stesso sito offre idee e spunti di ispirazione. Il 40% delle 40enni sogna di spacchettare un frustino, dei set da bondage o un capo di abbigliamento sexy. Il 30% delle intervistate, invece, ha ammesso di preferire un sensuale book fotografico, mentre il 25% vorrebbe partire per un week end in compagnia del proprio partner. Solo il 5% si “accontenta” dei classici fiori e cioccolate.

Le donne di Napoli in passerella: premiazione e party natalizio

Come ogni anno il Napoli Calcio Femminile, in occasione del Natale, sensibilizza il mondo dello sport napoletano con un’iniziativa “in rosa”. Lo scorso anno in questi giorni fu presentato un calendario contro la violenza sulle donne, con protagoniste le atlete della squadra.

20151220_ilenia_lazzarin2-700

Quest’anno, al nuovo Hart (ex cinema Ambasciatori – via Crispi), nel corso di una serata in programma domani, 21 dicembre alle ore 21, sarà conferito il premio, ideato dal dg della società, Italo Palmieri, e dal giornalista Lorenzo Crea, “Le amiche dello Sport”, a donne che hanno reso lustro nel corso degli anni alla città di Napoli in diversi settori. Dalla giornalista Cecilia Donadio alla cantante Monica Sarnelli, dalla calciatrice Valeria Pirone all’attrice Ilenia Lazzarin, dagli assessori Sonia Palmeri della Regione Campania e Alessandra Clemente del Comune di Napoli, all’imprenditrice Susanna Moccia e alla modella Laura Tresa, saranno tutte sul palco per ricevere il riconoscimento, insieme al nuovo console francese, Jean Paul Seytre, che sarà premiato per dimostrare la vicinanza della società alla cultura francese, già sancita con il gemellaggio del 2012 con il Paris Saint Germain e dopo i tragici fatti di Parigi delle scorse settimane.

Celebrità come vittime di violenza, l’arte shock di aleXsandro Palombo

In occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, il fotografo e attivista Alexsandro Palombo ha messo in fila le star di Hollywood, ritraendole come vittime di abusi.

C_4_foto_1418317_image

“Life Can Be A Fairytale, If You Break The Silence” (La vita può essere una favola, se rompi il silenzio) è la scritta che campeggia sopra i volti tumefatti di Miley Cyrus, Madonna, Kim Kardashian e Kristen Stewart.“

C_4_foto_1418313_image

Il più grande complice della violenza domestica è il silenzio, un silenzio che ogni anno è capace di uccidere o causare invalidità permanenti più di quanto possano fare malattie e incidenti – spiega – La violenza domestica è un cancro sociale che non conosce confini né status sociali, può colpire chiunque, che tu sia una persona comune o una celebrità, per sconfiggerlo bisogna usare l’antidoto della cultura, educando e sensibilizzando i giovani al rispetto e alla parità. Con qualsiasi mezzo ognuno di noi ha il dovere di fare la propria parte per contribuire alla sensibilizzazione e al cambiamento.
L’obiettivo è persuadere tutte le vittime di abusi a rompere il silenzio denunciando la loro situazione e sensibilizzare il pubblico al fatto che tutte le donne possono essere vittime di maltrattamenti, che nessuna è immune, neanche se fai una vita da favola come quella di una celebrità.