Michelle Hunziker mamma felice, al parco con la figlia Sole e Tomaso Trussardi

 

2152572_michelle_hunziker_tomaso_trussardi_sole-1Passeggiata di famiglia per Michelle Hunziker.La conduttrice, impegnata in tv con “Zeling” e “House Party” dopo l’arrivederci a “Striscia la notizia”, è stata fotografata mentre passeggia in un parco di Milano assieme al marito Tomaso Trussardi e la figlia, la piccola Sole. Assenti all’appello la seconda figlia Celeste e la maggiore, Aurora, conduttrice del daily di XFactor, che da poco ha festeggiato il suoi 20 anni.

Stefania Sandrelli compie 70 anni: “Felice di essere così”

Nata a Viareggio il 5 giugno 1946 Stefania Sandrelli compie 70 anni, oltre la metà dei quali passati ammaliando, stupendo e incantando con le sue svariate interpretazioni cinematografiche e televisive. Da “Divorzio all’italiana” (1961) a “La Chiave” (correva l’anno 1983), passando per “Il maresciallo Rocca” o “Il Bello delle donne”.

C_2_fotogallery_3002147_1_image

Attrice tra le più brave e amate del cinema italiano dice: “Sono felice di essere così come sono…”.
Domenica, Giovanni Soldati, suo compagno da oltre trent’anni, le ha organizzato, invitando tanti amici, una festa speciale: cena e brindisi al Jackie O., locale cult degli anni 70. “Sono felice di essere così come sono e felice di aver avuto quella bella carriera, come ho voluto”. ha detto la Sandrelli in occasione del Nastro d’oro assegnatole dal Sindacato dei giornalisti cinematografici.
Vitale, energica, ha detto di sentirsi giovane come la nostra Repubblica e citando Picasso ha aggiunto: “Siamo giovani, perché ci vuol molto tempo per diventare giovani”.
Il cinema come lavoro, passione, vissuta pure con sfrontatezza, come quando a 37 anni girò “La Chiave”, un film di Tinto Brass. Che scandalo per l’attrice di Germi, Bertolucci, Monicelli e Scola!
La sua è una carriera cominciata a 15 anni, in cui trovano spazio film e personaggi cult, “Divorzio all’italiana” (1961), “Sedotta e abbandonata” (1964), Marcello Mastroianni, Vittorio Gassman, Jean Paul Belmondo, “Io la conoscevo bene” (1964), gli anni Settanta della sua consacrazione con Brancaleone, “C’eravamo tanto amati” e poi ancora “Novecento”, “L’ingorgo” e gli anni Ottanta della “Terrazza” e di “Speriamo che sia femmina” e anche di “Mignon è partita” di Francesca Archibugi e le prime fiction come “I racconti del maresciallo” in cui si ritrova accanto a Gigi Proietti.
Una carriera plasmata da registi che sono stati a loro volta affascinati da lei. Da una Sandrelli che non ha mai voluto rinunciare a quel contatto speciale che riceve dal pubblico televisivo da oltre 20 anni attraverso tante serie come “Il maresciallo Rocca”, “Il Bello delle donne” fino alle ultime “Una grande famiglia” e “Non è stato mio figlio”, per citarne alcune.
Della sua vita privata si ricordano sopratutto la sua love story con Gino Paoli (da cui nacque Amanda) a 16 anni, le nozze con il playboy Nicky Pende (un figlio, Vito), figli da crescere poi da sola fino a formare con Giovanni Soldati, figlio di Mario, una famiglia solida e duratura, come lei.