Levante: “Metto a nudo il mio dolore, si cade ma la vita sorprende sempre”

Che si possa fare musica rifiutando i talent Levante ne è la prova. La cantautrice (Claudia Lagona, ndr) è al suo terzo album, i suoi live sono sempre sold out e collabora con artisti come Max Gazzè, Fedez e J-Ax (Assenzio, ndr). Allontana il paragone con Carmen Consoli e va dritta verso la sua strada, che a 30 anni le permette di raccontare, come fa “Nel caos di stanze stupefacenti” che esce il 7 aprile, di quando si cade e ci si rialza dal dolore guardandosi allo specchio. Ma anche di abuso di social, violenza sulle donne e omosessualità…

C_2_articolo_3064634_upiImagepp (4)

E’ un album dedicato a chi è caduto e ha avuto il coraggio di rialzarsi, a me stessa in realtà, perché c’è tanto di me, perché nel dolore la vita ti sorprende sempre”, sottolinea. Immagina il disco come dodici stanze, in cui appunto ci si specchia: “In queste stanze c’è molto rumore, avevo bisogno di raccontare il caos che nasce dal profondo silenzio in cui mi sono ritrovata nell’ultimo anno”.
Quel dolore che le permette di mettersi a nudo, come nella cover del disco, in cui Levante appare bellissima, in slip e canotta mostrando le gambe, ma lo fa con il candore di una bambina: “Qualcuno ha criticato negativamente la foto e mi è dispiaciuto: se avessi voluto mettermi in mostra in maniera sexy avrei fatto altro. Io, nella mia stanza, sono così. E così mi sono voluta mostrare: una bambina di fronte a uno specchio”.
Lo stesso specchio che spesso ritroviamo nei social, che la cantautrice frequenta, senza però abusare come racconta nel primo singolo “Non me ne frega niente”: “Sono stata aggredita verbalmente dopo il mio giudizio negativo sul modo di manifestare solidarietà a Parigi in occasione degli attentati. Quello che è accaduto su Facebook dopo i fatti del Bataclan mi ha spinta a scrivere ‘Non me ne frega niente’. Rimasi scioccata, quel modo di esserci non mi era piaciuto e ricevetti commenti pesanti. Io non critico la rete, ma il modo poco educato di utilizzarla. Credo non ci siano grandi differenza fra realtà e internet, ma per strada non useresti mai quei modi che invece vengono utilizzati sui social. Mi dissocio dalla maleducazione”.
Nell’album Levante affronta anche temi come la violenza sulle donne e omosessualità. In “Gesù Cristo sono io” canta “una donna che si crede una regina ma in testa ha una corona di spine”: “Sono abituata a scrivere di me, questa volta, senza grandi pretese, ho voluto raccontare la storia delle donne maltrattate. Ho preso spunto da fatti biblici per raccontare la situazione di quelle donne che non hanno più il coraggio di esporsi. Perché, quando ami il tuo carnefice, non è facile chiedere aiuto”. Mentre “Santa Rosalia” è “una filastrocca dedicata a un’amica, scritta come se si volesse spiegare l’omosessualità ai bambini, con semplicità, parlo di una persona a me molto cara”.
La gavetta l’ha fatta nei pub e nei locali, ha detto no a X Factor ma oggi è soddisfatta: “Nel 2010 fui contattata per X Factor, invece decisi di partire per Leeds e di dormire per mesi sul pavimento del bagno. Forse non ho fatto la scelta giusta (ride, ndr). Non giudico chi fa i talent, credo siano due strade diverse ma comunque faticose. Ci vuole coraggio anche a fare tv, c’e’ il rischio di essere dimenticati. E’ necessario avere progettualità, altrimenti diventa un pericoloso salto nel vuoto”. Ma un giorno, forse, la vederemo a Sanremo: “E’ un palco che continuo ad ambire. Mi è caro, sono cresciuta guardandolo. In realtà sogno Pippo Baudo: sarebbe bello se potesse dire ‘l’ho inventata io’…”.

Belen, ritorno esplosivo a Tú sí que vales

C’è aria di novità nella terza edizione di Tú sí que vales . Il presentatore Francesco Sole lascia il posto a Simone Rugiati, subito premiato da pubblico e critica.
Ai tre giudici, Rudy Zerbi, Maria De Filippi e Gerry Scotti, si aggiunge quest’anno anche l’irriverente Teo Mammucari.

14484816_1019079934880912_1648752020566204153_n (1)

Ma c’è una una costante che non abbandona il talent show di Canele 5: Belen Rodriguez.
Dopo mesi al centro del gossip tra amori tali o presunti, l’argentina è più in forma che mai e non tiene a freno la sua sensualità.
Per la puntata di debutto, Belen Rodriguez ha optato per un abitino a righe di Philosophy di Lorenzo Serafini.
Il vestito fantasia dalla gonna cortissima e molto scollato sul davanti ha lasciato ben poco all’immaginazione, sia le gambe che il décolletté di Belen sono infatti in bella vista.
Tra balletti e movimenti continui il modello svolazzante fa battere i cuori degli italiani.
Ai piedi un paio di décolletté di Cesarella Milano.
Dopo un’estate bollente, Belen Rodriguez non sembra volersi raffreddare nemmeno con l’autunno in arrivo.

Alessia Marcuzzi, selfie al cardiopalma

“Vorrei… e poi posto!”. E meno male! Alessia Marcuzzi cambia le parole al brano dell’estate, Vorrei ma non posto di J-AX e Fedez, e fa così un regalo bollente ai suoi follower. Nella calda estate la conduttrice decide di rivestirsi ma il risultato è infuocato.

Alessia-Marcuzzi-collant-Chanel-3

Prima Alessia Marcuzzi stuzzica con un selfie che ritrae solo le sue gambe perfette, fasciate in un paio di collant di pizzo Chanel. Il tutto è accessoriato da décolleté nere dal tacco a spillo.
Poi Alessia decide di mostrarsi in tutto il suo splendore direttamente dalla sua amata doccia. Seduta e con le gambe incrociate la Marcuzzi si lascia andare a un’immagine provocante.
Solo un body sgambato veste Alessia Marcuzzi, oltre ovviamente alle calze e alle pump vertiginose dello scatto precedente.
#misparolepose e #lapinellaegocentrica sono gli hashtag divertenti scelti per accompagnare la foto. Alessia Marcuzzi gioca, i fan svengono.

La Marcuzzi chiude in lungo il Coca Cola

Con le vittorie di Kings e Irama si è chiuso il Coca-Cola Summer Festival. Proseguono i tour i cantanti che hanno animato queste quattro puntate e va in vacanza la conduttrice Alessia Marcuzzi.

Alessia-Marcuzzi-Coca-Cola-Summer-Festival-abito-Marco-Bologna-cintura-McQueen-sandali-Gianvito-Rossi

Grintosa e spumeggiante come sempre, sul palco Alessia Marcuzzi ha dato prova di dimestichezza nell’introdurre i cantanti, riempire i tempi morti, intrattenere i telespettatori, smorzare o cavalcare l’entusiasmo del pubblico.
Perfetto per l’occasione l’abito sofisticato nero con ricami oro: spalle scoperte e braccia nude, uno spacco profondo laterale per mostrare all’occorrenza le lunghe gambe. Intriganti sandali lace-up indossati fino a metà polpaccio.
Sul suo blog Alessia Marcuzzi scrive: “Per l’ultima puntata non potevo che scegliere un abito super chic con spacco di Marco Bologna, a cui ho abbinato una cintura di Alexander McQueen. E i miei immancabili sandali alla schiava di Gianvito Rossi! Vi piace il mio look da finale?”.
A noi di Lookdavip sì, moltissimo. Buone vacanze, Alessia!

Il bikini compie 70 anni: ecco come è nato il costume da bagno più sexy

Il bikini compie settanta anni, ma non li “dimostra”. Il costume da bagno, infatti, resta il capo d’abbigliamento più popolare per le donne in riva al mare. Il compleanno è domani cinque luglio. Come dimenticare la scena cult in cui una splendida bond girl Ursula Andress esce dall’acqua indossando un costume molto succinto? Il bikini nel 1962 non era ancora così diffuso e sin dalla nascita aveva dato scandalo, ma di lì a poco sarebbe stato amato da tutte le donne.

493907cba6a6b05e6d5b94d838f2ae9b

L’invenzione del due pezzi arriva nel 1946 creata da Louis Reard che lo paragonò per importanza alla bomba atomica che pochi giorni prima era stata testata dagli americani nell’atollo di Bikini (da qui il nome).Louis dovette chiamare una spogliarellista a indossarlo durante la presentazione. Il costume da bagno nei primi anni del Novecento era una tunica abbinata a un paio di pantaloni attillati che gradualmente, con il passare del tempo, lasciarono scoprire gambe e braccia.

gif-bikini

Nel corso degli anni le donne iniziarono a sperimentare anche altri modelli: pantaloncini più corti e scollature più ampie sulla schiena. Più si andava avanti, più le misure si riducevano e negli anni ’20 le signorine da spiaggia iniziarono ad esibire le gambe! Molto si deve all’influenza internazionale di Hollywood che rese i costumi meno castigati. Proprio nel 1920 la stilista Coco Chanel lanciò per il popolo femminile i pantaloncini sopra al ginocchio e décolleté bene in vista, non solo un’evoluzione nel mondo della moda ma anche un invito ad abbronzarsi, cosa fino a questo momento poco apprezzata. Più elastici e definitivamente più corti i costumi da bagno degli anni ’30 che, ancora lontani dallo stile minimal e moderno, lasciavano intravedere uno spiraglio di luce.
Nel 1946 il costume due pezzi ha dato vita a una nuova moda, concedendo finalmente alle donne la libertà di poter mettere in mostra il proprio fisico, le proprie curve e anche le proprie imperfezioni.

Alessia Marcuzzi, scosciata e abbinata

Alessia Marcuzzi non si separa mai dal marito Paolo Calabresi Marconi. Questa settimana ha lasciato la sua Roma per Milano e, anche se è stata via pochissimi giorni, il suo Paolo l’ha accompagnata.

C_2_box_7530_upiFoto1V

In città per inaugurare la terza boutique italiana della maison svizzera di orologi IWC, Alessia Marcuzzi era in splendida forma con un abito rosso a righe blu di Altuzarra allacciato sul davanti.

146730029575d3e1d36a-4_iwx

Ai piedi i divertenti sandali Wild Thing in camoscio nero con frange di Aquazzura.
Prima il dovere per Alessia, che si è perfettamente calata nel ruolo di madrina, tra foto con gli invitati e taglio del nastro del negozio e poi il piacere. Ecco che dopo l’evento, la Marcuzzi si è fatta ritrarre abbracciata al marito in hotel. Per lei gambe nude in vista, occhi complici e il suo orologio IWC a segnare questi momenti magici.
In fondo il tempo è denaro, Alessia Marcuzzi lo sa bene e vuole passare ogni minuto della sua vita insieme al marito.

Emily Ratajkowski mostra i suoi gioielli d’oro

Nuda l’abbiamo vista in tutte le salse e da tutti i lati ma chi l’avrebbe detto che anche vestita Emily Ratajkoswki potesse essere tanto bollente?
Per l’evento Max Mara Face of the Future allo Chateau Marmont di Hollywood, l’attrice ha scelto un completo-pantaloni color mostarda di Roberto Cavalli.

12871481_924846770960151_1488387358745516168_n

I calzoni a zampa lanciavano le lunghe gambe e la giacca corta enfatizzava il suo famoso décolleté. Impossibile non notarlo visto che sotto non indossava proprio niente.
Durante la serata, organizzata dall’organizzazione Women in Film, Emily Ratajkowski ha parlato delle donne da cui trae ispirazione, come bravura e come bellezza. Oltre a Beyoncé, Emily ha citato Rosie Huntington-Whiteley e Lily Aldrirge, dicendo di quest’ultima: “Osservo sempre le sue foto e quando devo fare trucco e capelli guardo a quello che ha già fatto lei”.
Ma Emily Ratajkowski si è subito affrettata ad aggiungere: “Non dobbiamo paragonarci ad altre persone, soprattutto per quanto riguarda il nostro corpo, dobbiamo accettare quello che ci è stato dato e imparare ad amarlo”.

Kate e Lottie Moss: sfida tra sorelle a Cannes

Kate Moss e Lottie Moss hanno 24 anni di differenza e un po’, dati anche gli stravizi della maggiore, si vede. Le due sorellastre sono sbarcate al Festival di Cannes ma hanno tenuto le distanze.

Kate-Moss-e-Lottie-Moss-Cannes-2016-premiere-Loving-abiti-Halston-e-Dior

Sul red carpet per il film Loving, Kate e Lottie hanno addirittura scelto lo stesso colore di vestito, il rosso fuoco, ma non hanno mai posato insieme.
Se Kate Moss ha deciso di mostrare le gambe, ancora perfette a 42 anni, in un abito vintage dalla forma morbida e asimmetrica di Halston Heritage, Lottie Moss ha preferito esibire la schiena, con una profonda scollatura a V nel vestito Dior Couture.
“Facciamo stragi in rosso”, ha scritto la piccola di casa per accompagnare una foto-collage su Instagram che la vede insieme alla sorella ma si è apprestata ad aggiungere che il look in pendant non è stato studiato a tavolino. Unico punto in comune, i raffinati gioielli Chopard.
Insomma Lottie Moss vuole emergere da sola mentre Kate Moss vuole continuare a brillare e non essere offuscata dalla giovane, bellissima sorella. “Parenti serpenti”, mai ci fu proverbio più veritiero

Cecilia Rodigruez compie 26 anni, alla festa la scollatura è hot

Festa in casa Rodriguez. Cecilia compie 26 anni e amici e parenti si riuniscono per celebrarli insieme. Immancabili Belen, in un sexy abito a pois, e il “fratellino” Jeremias. La festeggiata sfoggia un abito che non lascia spazio all’immaginazione. Un tubino bianco che mette in risalto le gambe da urlo e la scollatura hot.

1621534_c1

Il compleanno è stato documentato con una serie di foto postate su Instagram. Belen ha anche dedicato  un messaggio social alla sorellina: “Sai che non ci sono parole per descrivere il mio amore per te, tu sei la mia vita, metà del mio cuore, la mia forza e la mia dolcezza. Tanti auguri”. Il post ha superato il 53mila like.

Alessia Marcuzzi, sexy per San Valentino!

Innamoratissima del marito Paolo Calabresi Marconi, Alessia Marcuzzi è in fermento per San Valentino. Mancano ancora un po’ di giorni alla festa degli innamorati, ma la Pinella freme e sfoggia mise mozzafiato per “farlo letteralmente impazzire”.

C_4_foto_1446690_image

Abitino aderente in pelle nera, tacchi vertiginosi e lunghe gambe nude: questo il segreto di Alessia?“ E’ ufficialmente iniziato il countdown per San Valentino.. che programmi avete? Si festeggia sempre anche se si è single, mi raccomando! – cinguetta sul suo blog – Per chi ha già programmato di festeggiare con la propria dolce metà, ecco qualche consiglio per farlo letteralmente impazzire…Un abito del genere con questo freddo consiglio di usarlo con delle calze, una giacca elegante o un bel maxi cardigan e il gioco è fatto”.

C_4_foto_1446691_image

E alle Pinelle che le chiedono come festeggerà, glissa dicendo: “L’ho chiesto a voi per prendere spunto…”. C’è da scommettere invece che la sua festa degli innamorati l’ha già organizzata nei dettagli con il suo Paolo.