Sanremo luxury: i gioielli visti all’Ariston

Come ogni edizione, sul palco di Sanremo hanno fatto bella mostra di sé anche bellissimi gioielli. Ciascun artista ha scelto ciò che rappresentava il proprio stile, indossandolo a corredo del proprio look, a volte in maniera discreta, altre più vistosa. Sotto la lente anche la conduttrice Maria De Filippi, che ha portato all’Ariston dei preziosi che hanno fatto discutere.

C_2_box_25185_upiFoto1F

Importanti, eppure perfetti per valorizzare gli outfit spettacolari di Marica Pellegrinelli, i gioielli di Pasquale Bruni. Stesso brand per il collier che luccicava al collo di Rocio Munoz Morales.
Più discreto il girocollo di Antonella Clerici, firmato Crivelli, così come i preziosi portati sul palco da Annabelle Belmondo e Anouchka Delon.
Con le mani sul microfono, sono stati inquadrati anche dei bellissimi anelli e quest’anno la tendenza è stata abbondare. Bernard Delettrez firma gli appariscenti anelli di Elodie, sono targati Swarowsky quelli di Paola Turci e Giulia Luzi, Chanel firma i preziosi (e l’outfit) di Alessandra Mastronardi, mentre al dito di Carmen Consoli brillava l’anello Fiocco Damiani.
Capitolo a parte per Maria De Filippi, che per i gioielli è stata anche criticata. La conduttrice ha alternato pezzi importanti a preziosi minimal, dichiarando che alcuni le erano stati regalati dal marito e rivelando quindi un valore affettivo più che effettivo.
Impossibile non citare l’apparscente pendente in oro bianco, caratterizzato da due grossi smeraldi, di Eleuteri, che strideva sul cardigan nero. Mentre la rivière in oro giallo e citrini del 1960 di provenienza americana, con maxi ciondolo rotondo, della gioielleria Pennisi, non era del tutto valorizzata a causa della fantasia floreale del vestito.
La Collana Scapolare della Vergine del Carmine, con una medaglietta rettangolare d’oro giallo raffigurante la Madonna e incisione sul retro è un oggetto religioso da cui Maria De Filippi non si separa mai: all’Ariston, l’ha indossata insieme ad altri preziosi, in un mix variegato e molto personale.

Venezia 73, i look da sbarco delle famose

I red carpet della Mostra del Cinema di Venezia sono quanto di più glamour possiamo immaginare.
Star hollywoodiane agghindate a festa con maestosi abiti lunghi, gioielli preziosissimi e dettagli iper-curati attirano in città fotografi e curiosi.
Ma prima di calcare il tappeto rosso, i vip in Laguna ci devono arrivare. E come se non per mare?

Venezia-Herzigova-Hunziker-Rodriguez-Bergamasco-Cucinotta

Sono vari e fantasiosi i look scelti dalle famose per il loro sbarco al festival. C’è chi non rinuncia mai al sex appeal nemmeno in una situazione “ballerina” come può essere l’approdo sul taxi d’acqua e chi preferisce praticità e comodità.
Caterina Balivo è nella fase del rosa e ci tiene a sottolinearlo anche in Laguna.
Nella categoria delle sensualissime non poteva che esserci una Belen Rodriguez tutta trasparente in pizzo nero e tacchi vertiginosi.

Aderenze e sandali alti anche per Maria Grazia Cucinotta in tubino blu. Sono invece delicati e impalpabili gli abiti in seta a righe scelti da Anna Safroncik e Alicia Vikander.
Jeans protagonista a Venezia 73 con la deejay Mia Moretti in un lungo abito denim e Eva Herzigova con camicia a volant e pantaloni a zampa.
Mood autunnale per Michelle Hunziker che abbina all’accattivante abito colorato anche un paio di stivaloni al ginocchio stringati.
Sporty-chic Giulia Elettra Gorietti con una tuta basic e scarpe basse.
Frizzante e sorridente Sistine Stallone che conquista tutti con la sua freschezza e non fa arrabbiare il famoso papà optando per un abitino composto.
Promossa la madrina di quest’anno Sonia Bergamasco nella sua mise bonton con camicia rossa e gonna a ruota.
Chi vince la gara di meglio vestita in barca? Scopri tutti i brand nella gallery.

Irina Shayk nuda su Gq: “Io con una donna? Mai! Sono russa: amo gli uomini e i gioielli”

Il corpo perfetto di Irina Shayk è il protagonista del numero di settembre di GQ Italia. La top model russa è ritratta in esclusiva per il magazine dal fotografo-star Mario Sorrenti, che la immortala nella stessa posa in cui fotografò Kate Moss nel 1993.

C_2_fotogallery_3004373_3_image

Ad intervistarla è invece lo stilista Riccardo Tisci, a cui la la Shayk svela “da piccola non pensavo di essere particolarmente carina: pensavo di essere orribile e di non piacere a nessuno”.”Sono nata e cresciuta in un piccolo paese. A 14 anni avrei dato non so cosa per essere un ragazzo: pensavo di essere orribile e di non piacere a nessuno” racconta Irina, che si dice “fiera di essere russa”. Innamorata del suo Bradley Cooper, la Shayk esclude di poter desiderare una donna e alla provocazione risponde: “Sono russa, preferisco gli uomini, i diamanti e il caviale.”
Delle sue umili origini, ricorda di “non aver mai preso un aereo fino ai 19 anni” e alla domanda di Tisci sul momento più imbarazzante della sua vita, Shayk svela che è stato “quando, a vent’anni, sono andata a Parigi per la prima volta. Non avevo niente da mettermi e a volte neanche da mangiare. Ricordo di quanto fossi in imbarazzo con le altre modelle per il modo in cui ero vestita”. Ma anche senza nulla addosso, cara Irina, non passi certo inosservata…

Emily Ratajkowski mostra i suoi gioielli d’oro

Nuda l’abbiamo vista in tutte le salse e da tutti i lati ma chi l’avrebbe detto che anche vestita Emily Ratajkoswki potesse essere tanto bollente?
Per l’evento Max Mara Face of the Future allo Chateau Marmont di Hollywood, l’attrice ha scelto un completo-pantaloni color mostarda di Roberto Cavalli.

12871481_924846770960151_1488387358745516168_n

I calzoni a zampa lanciavano le lunghe gambe e la giacca corta enfatizzava il suo famoso décolleté. Impossibile non notarlo visto che sotto non indossava proprio niente.
Durante la serata, organizzata dall’organizzazione Women in Film, Emily Ratajkowski ha parlato delle donne da cui trae ispirazione, come bravura e come bellezza. Oltre a Beyoncé, Emily ha citato Rosie Huntington-Whiteley e Lily Aldrirge, dicendo di quest’ultima: “Osservo sempre le sue foto e quando devo fare trucco e capelli guardo a quello che ha già fatto lei”.
Ma Emily Ratajkowski si è subito affrettata ad aggiungere: “Non dobbiamo paragonarci ad altre persone, soprattutto per quanto riguarda il nostro corpo, dobbiamo accettare quello che ci è stato dato e imparare ad amarlo”.

Chi è la più spudorata di Cannes 2016?

festival-di-cannes-2016-modaE ora largo spazio alle tante modelle che hanno affollato la Croisette. Isabeli Fontana ha sfilato alla serata di beneficenza dell’amFAR con un abito composto solo da sottili fili d’argento.

gettyimages-532762470_master

Tatuaggi in vista e qualche buco di cellulite per la top, che sorride e non ci pensa.Seno marmoreo per Heidi Klum, statuaria nel suo abito giallo e adornata di gioielli. Spacco inguinale e scollatura pronunciata anche per Alessandra Ambrosio ma l’effetto è più naturale.

bella-hadid-cannes-2016-spacco

Laetitia Casta si copre di rete nera e mostra un lato B scolpito.
Lara Stone invece nasconde il derrière ma il resto si vede tutto.

1605_Festival-di-Cannes-2016-apertura_00 (1)

Infine, non manca un po’ di vergogna con una Paz Vega che dopo aver scelto un abito sexyssimo, si scopre pudica e corre ai ripari riparandosi con la mano.

Cannes, un festival di… grande caratura

Nell’arco di poco più di una settimana gravitano intorno al Festival di Cannes i gioielli più preziosi del mondo. Collier, bracciali, orecchini e anelli: più sono i carati e più sono contente le star.

1463135549_clooney_amal_cannes_1

Dagli intramontabili diamanti ai coloratissimi rubini, smeraldi e zaffiri, i gioielli sono parte integrante di ogni outfit. Se è vero che le dive hollywoodiane brillano già di luce propria, è altrettanto innegabile che un prezioso da fiaba aiuta a far colpo tra i tanti look che affollano il red carpet.

1605_Festival-di-Cannes-2016-day-1_02-1000x600Cartier, Chopard, de Grisogono, Piaget, Bulgari: sono molti i brand di alta gioielleria che puntano ad adornare le bellissime del cinema.

1605_Festival-di-Cannes-2016-apertura_00

E loro, da Julia Roberts a Julianne Moore, passando per Bianca Balti, Valeria Golino e Naomi Watts (solo per citare alcune protagoniste di questo sessantanovesimo Festival) adorano coprirsi di creazioni opulente. Pronta a sognare? Nella nostra gallery trovi tanti di quei carati da far girar la testa.

Minaj, Gaga e Madonna le più volgari al Met

Al Met Gala l’esibizionismo è d’obbligo e il buon gusto è una dote rara. Quest’anno, ad avere oltrepassato il filo della decenza sono state sicuramente Nicki Minaj, Lady Gaga e Madonna. Le tre cantanti hanno sfilato sul red carpet con outfit spudorati, eccessivi e piuttosto volgari.

085410474-00a265a5-d636-4b5f-9669-cb58b28412dc

Non stupisce più di tanto l’outfit eccessivo di Nicki Minaj, un total black Moschino illuminato da grosse fibie di gioielli e ciuffi ossigenati sulla chioma. La bombastica cantante vince probabilmente il premio della scomodità: sia per il “peso” che è costretta a trascinarsi quotidianamente, che per quelle pesanti bande in cui ha avviluppato il poderoso décolleté e i fianchi abbondanti.

C_2_box_2725_upiFoto1V (1)

Omaggia la tendenza metal ma con una pesante virata trash anche Lady Gaga. La giacca e il body sono Versace, ma l’insieme è da paura. Bionda con ricrescita, calze a rete con cosciotti (e fondoschiena) esposti, posizioni da marciapiede, più che la famosa star trasformista e patinata, sembra un’escort a caccia di clienti.

13139220_10154316284159574_2137029494387549373_n

Ma il podio è senza dubbio di Madonna. In un complicato outfit Givenchy, la signora Ciccone mostra seni e glutei: i primi evidenziati da un pezzo di nastro adesivo nero, i secondi inguaiati tra fasce nere che scendono lungo le cosce e s’infilano nei cuissard di pelle.

madonna-nicki-minaj-met-gaga-fashion

Il velo di pizzo e l’acconciatura da odalisca smorzano i toni ma non riescono a spegnere l’eccesso.

Marina Suma e l’addio al mondo del cinema: “Vendo gioielli di cartapesta al mercato di Salina”

      marina, suma, banchetto, eolie, salina, gioielli, cartapesta,gossip,news,notizie,vip,cinema“È vero, la gente mi guarda speciale, è un po’ stupita quando viene qui a curiosare sul banchetto dove vendo i miei monili, e la cosa mi diverte. Questo lavoro mi piace, mi consente di esprimere la mia creatività. Inoltre qui mi sento a casa, ci trovo le mie radici. A Salina ci sono venuta la prima volta quando avevo un mese. Praticamente qui passo tutte le mie estati e torno sempre volentieri”. Il film “Sapore di Mare” è stato il primo di una lunga serie di film per Marina Suma, che però ha abbandonato il mondo dello spettacolo per trasferirsi a Salina ,nelle isole Eolie, dove crea e vende monili: “Io chiamo le mie creazioni “monili” – ha dichiarato a “DiPiù” – perché non ci sono metalli preziosi, né oro né argento, sono realizzate in cartapesta colorata. Pensi che a me piace vendere direttamente alla mia clientela. Molti sono turisti di passaggio, ma altri vengono abitualmente da me e mi piace parlare con loro, consigliare, magari disegnare apposta un monile per una occasione”.La passione è nata da qualche anno (“È un lavoro che va avanti da quattro anni e, come vede, anche la vendita non è la passione di un momento. Il mio banchetto è diventato anche un punto di ritrovo dei miei amici, che passano sempre a salutarmi, il che rende anche più piacevole il lavoro”), mentre ama ancora comparire sul palco: “È un lavoro parallelo, anche perché, seppure il momento non sia facile per lo spettacolo italiano, io continuo a essere un’ attrice appassionata. Sto per tornare a recitare in un nuovo film. Si intitola Ballando il silenzio, è ambientato nel mondo del tango ed è di un regista messinese, Salvatore Arimatea, con le musiche di Stelvio Cipriani. Con Arimatea anni fa avevo girato un cortometraggio a Vulcano, che è un’altra isola delle Eolie”.A fianco un uomo che la sostiene: “Di figli purtroppo non ne sono arrivati, ma ho un compagno da dodici anni che si chiama Claudio ed è un uomo piuttosto riservato. Con Claudio sto molto bene, andiamo d’accordo, con lui mi sento completa Lui e io poi viviamo nel triangolo più bello del mondo, tra Roma, Napoli e Salina, e viaggiamo molto. Lui ora ha smesso di lavorare, per cui riesce a stare con me senza problemi di tempo e non si dispiace se, qui a Salina, io la sera rimango al mio banchetto per presentare i miei monili. Claudio è felice se mi appassiono a qualcosa di mio”.