Silvia Provvedi: “Amo Corona, chi lo accusa prima sbavava per lui”

“Fabrizio non è un delinquente e io non sono una cretina. Se davvero il mio uomo fosse come lo raccontano non sarei qui. Dalle vicende legali saprà difendersi. Io posso parlare della vicenda umana ed è una vicenda sporca”. Silvia Provvedi parla per la prima volta dopo l’arresto di Fabrizio Corona e al settimanale Chi dice: “Fabrizio però deve sapere che non è solo…
E insieme con me, suo figlio e sua madre ha buone basi per ricominciare”.

C_2_fotogallery_3005900_9_image1

La mora delle Donatella se la prende con chi lo accusa e dice: “Tutte quelle persone che vanno in tv ad accusare Fabrizio, che è incapace di difendersi perché è in carcere, lo fanno perché sognavano di imitarlo, di essere come lui. Sbavavano per stare con Fabrizio, per guidare la sua macchina, per uscire e lavorare con lui e per lui. Ma ognuno si prenderà le sue responsabilità”.
E’ un fiume in piena quando spiega i momenti dell’arresto: “Eravamo in palestra, ricorda Silvia Provvedi, Fabrizio non si sente bene, mi chiede di andare in farmacia. Vado. Dopo un po’ lui mi raggiunge. È bianco in faccia e dice poche parole: “Amore, mi stanno arrestando, devi essere forte. Mi devo consegnare tra due ore esatte”. Poi è andato a casa di sua madre perché voleva avere la certezza di poter parlare con suo figlio Carlos. Gli ultimi minuti li ha trascorsi abbracciato a lui, una scena che non scorderò mai”.
“Negli ultimi quattro mesi io e lui abbiamo davvero vissuto come due anziani. La sera a casa perché aveva il rientro presto. Piano piano ero riuscita a togliere di mezzo tante persone negative che sapevo non gli facevano bene. Persone che vivevano idolatrando Corona e quando Corona si sente un Dio, uccide Fabrizio. Io lo sapevo, lo sentivo, ma evidentemente dovevo essere più incisiva. Io sto rinunciando alla mia vita e lo faccio perché credo in Fabrizio e lo difendo. Anche se so che il tempo della libertà per lui si allontana. Spero in un miracolo, spero nella legge” continua la Provvedi.
Silvia racconta anche come Corona passa le sue giornate in carcere: “Fabrizio non molla, non mollerà mai. Legge, studia e scrive. Di certo la situazione non è facile e lui non è un superuomo. Cosa deve fare? Togliersi la vita? No, combatte. È riuscito persino a strapparmi un sorriso quando mi ha rivelato che in cella l’ex marito di Valeria Marini, Giovanni Cottone (in carcere a San Vittore nello stesso braccio di Corona, ndr) tutti i lunedì sera vuole guardare il “Grande Fratello Vip” per vedere la sua ex…”.

Claudia Galanti sirenetta in vacanza, le critiche sul web: “Hai bisogno di soldi? Vai a lavorare!”

Claudia Galanti sta trascorrendo l’estate in Sardegna e non manca come suo solito di postare qualche immagine dal suo account Instagram per rimanere in contatto con i suoi fan.

1466869181871.jpg--

La showgirl ed ex isolana per due edizioni ha condiviso diverse immagini che la vedono in bikini mentre si rilassa in barca o al sole in Sardegna, spesso in compagnia dei figli.  Ai numerosi commenti di stima e complimenti per la forma fisica però si aggiungono parecchie critiche per le sue prolungate ferie, dato che, sottolineano gli internauti “Eri andata all’Isola perché avevi bisogno di soldi… Vai a lavorare!”.

Nicole Minetti, un bikini al giorno…

Deejay e modella espatriata a Ibiza, Nicole Minetti usa il corpo per lavorare. E, a maggio inoltrato, è davvero ora di pensare alla tintarella, soprattutto se abiti alle Baleari.
L’ex igienista dentale ha sempre fatto del seno il suo punto di forza quindi non stupisce vedere l’invasione di scatti in bikini che si susseguono sul suo profilo Instagram.

13263870_984718401597906_2688981306244767857_n

Espressione sensuale, labbra carnose e primi piani sul décolleté fasciato in tanti costumi colorati e sempre diversi. A triangolo, a fascia o monospalla i modelli scelti da Nicole Minetti per abbronzarsi sono vari ma tutti sexissimi e lei sembra preferire due brand ultimamente: Tezenis e Tezuk.

13267841_982779088458504_628919631375228442_n (2)

Con delle foto così sono moltissimi i commenti social degli ammiratori e c’è anche chi, come Vincenzo Di Biaso, amministratore di uno dei gruppi di pallacanestro più importante d’Italia, è stato bloccato dalla bella Nicole perché aveva l’abitudine di taggare gli amici sotto le immagini più hot.

13174146_978593515543728_5512366811675147379_n

La mossa della Minetti ha scatenato una guerra social da parte di tanti sportivi del mondo del basket che al grido dell’hashtag #NicoleSbloccaVince chiedono alla mora di sbloccare Di Biaso appunto.
Insomma che sia in camera da letto, in piscina o al mare, Nicole Minetti è sempre bollente, con lei la temperatura si alza… e l’abbronzatura è garantita.

Si licenzia e gira il mondo: “Volevo lavorare il meno possibile e non aspettare le vacanze”

Diana Bancale è una giovane donna che a un certo punto della sua vita ha fatto una scelta drastica: lasciare un lavoro a tempo indeterminato e cominciare a viaggiare per il mondo da sola. “Da grande voglio lavorare il meno possibile, non voglio che la mia vita si riduca ad aspettare il weekend e le vacanze estive”, racconta in un’intervista all’Huffington Post.

maxresdefault (3)

Oggi Diana è una blogger di viaggi e sul suo sito “In viaggio da sola” offre consigli a chi vuole iniziare questa avventura come lei. “Ricordo il giorno in cui mi sono licenziata e ho riscoperto la libertà – scrive nel suo blog in risposta a chi le ha dato della matta solo perché aveva lasciato un posto a tempo indeterminato – La libertà di tornare a sognare, come quando eravamo piccoli…
Voi lo sapevate che si può vivere anche senza lavorare otto ore al giorno col sedere incollato a una sedia? E che è possibile anche fare un lavoro che si ama? Se lo sapete già, siete fortunati. Io non lo sapevo e credevo che la vita fosse quella: solita routine per quaranta ore a settimana, quarantotto ore di ‘ore d’aria’ il weekend e così via, avanti per mesi fino al ‘miraggio’ delle ferie, che erano ormai diventate il mio unico obiettivo. Secondo solo all’altro obiettivo: la pensione. Oggi Diana gira il mondo con i viaggi offerti dagli enti del turismo o con i blog tour e lavora come social media manager per alcune aziende. Tutto è iniziato dopo la laure in Giornalismo nel 2007.
Ha lavorato per garantirsi uno stipendio normale e ogni volta aspettava le vacanze. “Alla fine ho deciso di licenziarmi e di dedicarmi interamente alla mia passione, alla cosa che più amavo fare e che invece stavo trascurando: viaggiare. Ho investito i soldi della liquidazione in un corso di marketing per formarmi, mentre il mio blog iniziava a crescere”. Diana ha un fidanzato e delle amiche, ma preferisce viaggiare da sola per mettersi alla prova. A chi si sente intrappolato in una vita che sente non gli appartenga consiglia: “Bisogna inseguire i propri sogni, ma non si può lasciare il proprio lavoro e andare all’avventura senza avere le idee chiare. Io, ad esempio, mi sono licenziata, ma ho investito le mie risorse economiche sulla mia formazione, sui miei sogni. Bisogna prepararsi. E avere costanza, se si vuole fare dei viaggi un lavoro: all’inizio è difficile, apri un blog e hai solo due visite al giorno. Non bisogna demordere, ma continuare a studiare, partecipare ai meeting, curare le relazioni, crearsi una rete. Dunque, partire sì, ma solo quando si ha un progetto. E quando si è pronti per farlo. Capire quando è il momento giusto per farlo è facile: quando la vita fa troppo schifo, e così non può continuare, quello potrebbe essere il momento giusto per cambiare”.