Levante: “Metto a nudo il mio dolore, si cade ma la vita sorprende sempre”

Che si possa fare musica rifiutando i talent Levante ne è la prova. La cantautrice (Claudia Lagona, ndr) è al suo terzo album, i suoi live sono sempre sold out e collabora con artisti come Max Gazzè, Fedez e J-Ax (Assenzio, ndr). Allontana il paragone con Carmen Consoli e va dritta verso la sua strada, che a 30 anni le permette di raccontare, come fa “Nel caos di stanze stupefacenti” che esce il 7 aprile, di quando si cade e ci si rialza dal dolore guardandosi allo specchio. Ma anche di abuso di social, violenza sulle donne e omosessualità…

C_2_articolo_3064634_upiImagepp (4)

E’ un album dedicato a chi è caduto e ha avuto il coraggio di rialzarsi, a me stessa in realtà, perché c’è tanto di me, perché nel dolore la vita ti sorprende sempre”, sottolinea. Immagina il disco come dodici stanze, in cui appunto ci si specchia: “In queste stanze c’è molto rumore, avevo bisogno di raccontare il caos che nasce dal profondo silenzio in cui mi sono ritrovata nell’ultimo anno”.
Quel dolore che le permette di mettersi a nudo, come nella cover del disco, in cui Levante appare bellissima, in slip e canotta mostrando le gambe, ma lo fa con il candore di una bambina: “Qualcuno ha criticato negativamente la foto e mi è dispiaciuto: se avessi voluto mettermi in mostra in maniera sexy avrei fatto altro. Io, nella mia stanza, sono così. E così mi sono voluta mostrare: una bambina di fronte a uno specchio”.
Lo stesso specchio che spesso ritroviamo nei social, che la cantautrice frequenta, senza però abusare come racconta nel primo singolo “Non me ne frega niente”: “Sono stata aggredita verbalmente dopo il mio giudizio negativo sul modo di manifestare solidarietà a Parigi in occasione degli attentati. Quello che è accaduto su Facebook dopo i fatti del Bataclan mi ha spinta a scrivere ‘Non me ne frega niente’. Rimasi scioccata, quel modo di esserci non mi era piaciuto e ricevetti commenti pesanti. Io non critico la rete, ma il modo poco educato di utilizzarla. Credo non ci siano grandi differenza fra realtà e internet, ma per strada non useresti mai quei modi che invece vengono utilizzati sui social. Mi dissocio dalla maleducazione”.
Nell’album Levante affronta anche temi come la violenza sulle donne e omosessualità. In “Gesù Cristo sono io” canta “una donna che si crede una regina ma in testa ha una corona di spine”: “Sono abituata a scrivere di me, questa volta, senza grandi pretese, ho voluto raccontare la storia delle donne maltrattate. Ho preso spunto da fatti biblici per raccontare la situazione di quelle donne che non hanno più il coraggio di esporsi. Perché, quando ami il tuo carnefice, non è facile chiedere aiuto”. Mentre “Santa Rosalia” è “una filastrocca dedicata a un’amica, scritta come se si volesse spiegare l’omosessualità ai bambini, con semplicità, parlo di una persona a me molto cara”.
La gavetta l’ha fatta nei pub e nei locali, ha detto no a X Factor ma oggi è soddisfatta: “Nel 2010 fui contattata per X Factor, invece decisi di partire per Leeds e di dormire per mesi sul pavimento del bagno. Forse non ho fatto la scelta giusta (ride, ndr). Non giudico chi fa i talent, credo siano due strade diverse ma comunque faticose. Ci vuole coraggio anche a fare tv, c’e’ il rischio di essere dimenticati. E’ necessario avere progettualità, altrimenti diventa un pericoloso salto nel vuoto”. Ma un giorno, forse, la vederemo a Sanremo: “E’ un palco che continuo ad ambire. Mi è caro, sono cresciuta guardandolo. In realtà sogno Pippo Baudo: sarebbe bello se potesse dire ‘l’ho inventata io’…”.

Jennifer Lopez, fisico perfetto a 47 anni: ecco il baletto sexy sul palco

Il tempo non sembra passare mai per J.Lo: la cantante e ballerina di origini portoricane, infatti, a 47 anni continua a sfoggiare un fisico da fare invidia a tantissime ventenni.

2250971_jennifer_lopez_fisico_top_sexy

Jennifer Lopez lo dimostra, semmai ce ne fosse bisogno, anche nelle ultime esibizioni di questi giorni, impegnata in una lunga serie di show al Planet Hollywood di Las Vegas. Il tempo sembra non passare mai, il fisico è sempre più sexy e manda in visibilio sia i fan presenti allo show, sia quelli che seguono la star su Instagram.

Mariah Carey su Facebook live in sexy lingerie. Il video fa un milione di visite

Mariah Carey in un video dal vivo in lingerie sulla sua pagina ufficiale di Facebook, da una camera d’albergo a Los Angeles presenta il suo ultimo singolo. Il filmato postato dalla popstar 46enne è stato visto oltre un milione di volte nella prima ora, diventando subito virale.

C_2_fotogallery_3008780_10_image

La cantante indossava un corpetto nero nella camera da letto romanticamente illuminata. Le sue lunghe gambe distese con le calze a rete nere velate. Mariah ridendo dice: “Non posso dire alcune di queste cose” mentre legge i commenti. La diretta streaming è servita a promuovere il suo nuovo singolo, ‘I Do not’, inciso con il rapper YG, il cui vero nome è Keenon Daequan Ray Jackson. Mariah ha postato sul suo account
Instagram un teaser del video.
Il roll-out del suo nuovo singolo sarebbe cominciato poco dopo, a mezzanotte, in tutto il mondo. La popstar ha anche fatto sapere che un nuovo album non è nei suoi piani in questo momento. Ha detto che sta facendo i singoli perché è più divertente per lei, ma che spera di rilasciare un numero sufficiente di singoli, per poter essere in grado di metterli insieme in un album.
E per finire l’anticipazione ai fan, Mariah aggiunge che sta attualmente lavorando su un nuovo progetto segreto con un amico, che ha “molto talento”.

Victoria’s Secret Fashion Show, a Parigi gli angeli sfilano con i big della musica

Grande festa per il Victoria’s Secret Fashion Show. Le modelle più belle del mondo hanno sfilato tra lingerie sexy e dai tratti carnevaleschi tra le performance di Lady Gaga, Bruno Mars e The Weeknd. nella capitale francese.

012508743-15679f18-26aa-4a68-8af4-3aa420fef671 (1)Gli angeli sono stati i protagonisti delle passerelle di Parigi nell’appuntamento annuale dello show che nell’edizione 2016 si è tenuto al Grand Palais di Parigi. Tra le 52 bellezze in passerella erano presenti  Gigi e Bella Hadid, Alessandra Ambrosio, Kendall Jenner, Irina Shayk, Sara Sampaio.  Pezzo top della serata il reggiseno da tremila dollari indossato dalla modella Jasmine Tookies. Il capo è stato progettato da Eddi Borgo ed è ricoperto da novemila pietre preziose.

Mina e Celentano tra amore, ironia e la voglia di “giocare a fare i cantanti”

Giocano anche sui numeri Mina e Celentano, che per il loro album-evento, vent’anni dopo, scelgono l’11-11 (novembre) per lanciare le 11 canzoni (più una sorpresa finale) de “Le Migliori”. Tgcom24 ha ascoltato in anteprima i brani, che spaziano dal pop al melodico, e che come amano ripetere Claudia Mori e Massimiliano Pani li fanno “incontrare” in un terreno che li accomuna, seppure diversissimi tra loro, ovvero la musica e la voglia, appunto, di “giocare a fare i cantanti”.

comeundiamante-e1478712043390

Il titolo, “Le Migliori”, nasce da un pensiero del Molleggiato, che sul suo blog, facendo gli auguri di compleanno all’amica Mazzini, aveva scritto “comunque restiamo sempre le migliori”. Al femminile. Ispirando così la copertina, con “2 Mine” e “2 Celentani”, visdstite appunto da donna, e in una ipotetica sfilata in strada. Alla loro maniera, loro che le mode e tenedenze le hanno sempre anticipate con i look più stravaganti.
Le canzoni, quasi tutte d’amore, spesso si concludono con frasi parlate, dialoghi graffianti tra i due amici che sanciscono quel feeling che dura ormai da tantissimi anni. Oltre al primo singolo lanciato ad ottobre “Amami Amami”, ecco duetti che parlano di storie in bilico, telefono che tace, amanti che si rincorrono: da “E’ l’amore” a “Se mi ami davvero” (con il ritmo di Mondo Marcio), da “Ti lascio amore” (scritta tra gli altri da Toto Cutugno) fino “A un passo da te”, e poi “Non mi ami”, “Ma che ci faccio qui”, “Sono le tre”, “Come un diamante nascosto nella neve”.
Con la solita ironia e anche un po’ di nostalgia, si approda all’attualità con “Il bambino col fucile”, il brano interpretato solo da Celentano e scritto da Francesco Gabbani, vincitore nella categoria giovani dell’ultimo Sanremo. E “Quando la smetterò”, la canzone che Mina canta da sola, una dichiarazione d’amore in cui la più grande interprete della musica italiana lascia libero sfogo alla voce accompagnata dal pianoforte di Danilo Rea. Il colpo di coda arriva con un brano dal titolo impronunciabile, “Prisencolinensinainciusol”: l’unica cover, con lo slang inventato da Adriano che riesce a far rappare anche Mina.
“Non sarebbe ora di fare un altro disco insieme?”, è quello che si sono detti un giorno al telefono racconta la Mori. Loro che sono “legati indissolubilmente” da una storia così diversa ma uguale”. “E’ nato tutto con spontaneità, con la voglia di due amici di ritrovarsi con gioia per cantare”, prosegue la moglie di Adriano. “Sono pezzi diversi tra di loro – le fa eco Pani – selezionati su materiale infinito, hanno scelto le cose più adatte al mondo che li accomuna”.
Si sono incontrati a Lugano, Mina e Celentano. E poi si sono sentiti al telefono tutti i giorni. Hanno riso e parlato alla loro maniera, tanto che non sapendo di essere spiati, alcuni contenuti delle loro conversazioni “irregolari” sono state registrati e riprodotti in un cd che fa parte del cofanetto deluxe assieme a 4 cartoline e un poster. Conversazioni da macchinetta del caffè. Ma alla Mina e Celentano.

Gianna Nannini e la dolce pausa: gelato in centro con la figlia Penelope

Come sempre Gianna Nannini è impegnata nei suoi tour in giro per l’Italia, quest’anno in particolare l’History tour, ma non perde occasione per trascorrere un po’ di tempo con la figlia Penelope, di 5 anni.

1901190_gianna_nannini_con_la_figlia_penelope

La cantante infatti è stata fotografata da “Vero” durante una dolce pausa a Milano, mentre si ferma in una gelateria per acquistare una coppetta per lei, la figlia e le amiche.Penelope segue la mamma in tutti i suoi spostamenti: “L’altro giorno era con me – ha fatto sapere – impara un sacco. Per me un tour di rock è il miglior asilo per i bambini”.

Sale sul palco di The Voice dopo l’esibizione: proposta di matrimonio gay a sorpresa

Dopo Italia’s got talent, anche a The Voice arriva la proposta di matrimonio gay. Ieri su rai 2 dopo il “Knockout”, che ha visto trionfare le sorelle Baccaglini, è salita sul palco Maura, la compagna di Sara e ha chiesto alla ragazza di sposarla.

voice_italy_proposta_matrimonio_lesbo_645

Una proposta di matrimonio in piena regola anello compreso. Pubblico in delirio e giudici sorpresi:  “Non ho mai visto fare una Carrambata di questo tipo con tutta l’esperienza che ho nella mia vita” ha dichiarato Raffaella Carrà.

La nuova vita della sexy Nicole, a colpi di decibel e luci psichedeliche

Ad una “carriera” come igienista dentale o consigliera regionale aveva già rinunciato qualche anno fa, per “ovvie” ragioni. In trasferta fuori Italia, tra Ibiza e New York la bella Nicole Minetti si era poi concessa un periodo sabbatico all’insegna del… dolce far niente. Adesso però eccola di nuovo in pista, anzi alla consolle, cuffie alle orecchie e look graffiante da perfetta sexy deejay, nelle discoteche più cool d’Europa…

C_2_articolo_3002453_upiImagepp

Canotte attillate, reggiseno a vista l’ex consigliera vola da Londra a Roma, ogni notte in una discoteca diversa. Alla consolle è lei la regina, la musica, la sua nuova frontiera. A colpi di luci psichedeliche e decibel altissimi Nicole ricomincia da qui. Di giorno in palestra per scolpire gli addominali e tonificare le sue curve hot o in spiaggia in bikini e poi feste, cocktail e disco “all night long”.

Baby K: “Il rap è come un grosso ombrello, cʼè spazio per tutti…”

Non vuole essere definita solo una “rapper”, perché non vuole porsi barriere e limiti. A Baby K interessa fare musica che la convinca e la rappresenti. Ed è così che è nata la sua collaborazione stellare con Major Lazer, il progetto musicale di Diplo, Walshy Fire & Jillionaire. Dopo i sette platini di Roma-Bangkok con Giusy Ferreri, tenta nuovamente la scalata con la versione italiana di “Light It Up”, “Ora che non c’è nessuno”.

C_2_fotogallery_3000287_1_image

La canzone è già in radio da due settimane ed è contenuta nella versione made in Italy del nuovo disco di Major Lazer (in uscita il prossimo 6 maggio). “Sono sempre stata fan dei Major Lazer, ma soprattutto di Diplo, che ho conosciuto nel 2008 in un backstage”, racconta a Tgcom24 la cantante 33enne, nata a Singapore da genitori italiani, cresciuta a Londra e considerata una delle artiste più internazionali del momento.
Come è nata la tua collaborazione con un mostro sacro come Major Lazer?
In occasione del lancio sul mercato italiano di “Peace Is the Mission”, Diplo ha deciso di fare un remix di “Light It Up”, e gli è stato proposto il mio nome. Lui si è documentato e ha visto che i nostri mondi musicali erano molto consoni e mi ha chiamato. Mi ha mandato solo la base senza la voce… un grande onore e una grande responsabilità. Io mi sono sbizzarrita e ho riscritto la canzone dall’inizio, gliel’ho mandata e a lui è andata bene subito.
Una grande soddisfazione per te!
Grandissima, mi sento onorata di questa collaborazione e ancora di più dopo che Diplo stesso si è complimentato con me, quando ha visto che in Francia, per un certo periodo, Roma-Bangkok era qualche gradino sopra “Light it up”. Per me lavorare con un progetto così internazionale come Major Laser è un grandissimo traguardo, ma lo è anche per la musica italiana…
Perché?
Io credo che la musica italiana abbia bisogno di essere svecchiata. Per quanto mi riguarda non mi interessa bissare il successo di Roma-Bangkok, quello che voglio è fare musica che mi piace e che mi appartiene scostandomi dalle etichette. Quindi non vorrei essere considerata solo una rapper, è una definizione che mi sta stretta. Mi sento molto più pop, ma nel senso internazionale del termine. All’estero il rap è pop. E io voglio poter rappare se mi sento di rappare, ma di fare anche altro, di provare sonorità nuove, di miscelare stili. Proprio come ho fatto in questo remix italiano di ‘Light It Up’. Il mio intento è svecchiare il pop italiano, non è un percorso facile perché l’Italia è un paese tradizionalista e vecchio, però ad esempio, “Roma-Bangkok”, si discostava un po’ da tutto, sia dal rap puro, sia dal pop classico e ha funzionato e quindi perché non continuare su questa strada?
Hai detto che hai riscritto completamente il testo di “Light It Up”. Di cosa parla “Ora che non c’è nessuno”?
Racconta la storia di un ragazzo che conosce una ragazza in discoteca e la porta a ballare. Una storia semplice, simpatica, che si adatta a un sound dance. E quando sono in discoteca lei vorrebbe solo baciarlo e fare come se non ci fosse nessuno intorno. Nessuna filosofia, un testo divertente, adatto ad una musica da ballare.”Ti conoscono tutti al contrario di me, quanta gente stasera ti vorrebbe per sé. Fingiamo che non c’è nessuno e non mi sentirò piccola, ti rubo un bacio se non c’è nessuno, solo se non c’è nessuno”, canta infatti Baby K in una strofa della canzone.
Qual è stata la reazione dei tuoi colleghi rapper?
Hanno reagito bene e si sono complimentati con me soprattutto deejay e produttori e tutti quelli che amano la musica come passione a 360°, quelli che ascoltano più generi e che sono più internazionali.
E il mondo del rap cosa pensa di te e tu cosa pensi dei rapper italiani?
Sono dell’opinione che l’hip hop sia come un grande ombrello con diverse ramificazioni c’è spazio per tutti, Fedez fa un tipo di rap, Marracash ne fa un altro, io un altro ancora e così via, senza inutili polemiche tra artisti, come spesso succede. Io sto facendo una cosa più mia. Il bello è proprio questo e non c’è motivo di far nascere faide e malumori tra rapper. Voglio continuare ad essere libera da schemi e da definizioni, che ti rinchiudono in categorie. Io azzardo, e mi piace farlo.
Com’è essere donna in un mondo, quello dell’hip hop soprattutto, prettamente maschile?
All’inizio suscito curiosità, ma poi il pregiudizio e l’atteggiamento prevenuto di chi ha avuto a che fare con me musicalmente ha prevalso. E’ stato ed è sempre molto difficile in Italia farsi accettare, da donna devo sempre fare uno sforzo in più per convincere di quanto so fare e di quanto valgo. All’estero conta la musica. In Italia c’è molto più salotto.

E’ Marica la nuova Più Bella Cosa di Eros

Fanno battere i cuori le parole scritte da Eros Ramazzotti su Instagram dopo la sua partecipazione alla seconda serata del Festival di Sanremo: “Il nostro amore è fantastico e fa sognare. E’ vita. Ti amo mamma dei miei amori”, scrive la star insieme alla foto del dolce bacio scambiato con la moglie Marica Pellegrinelli durante la sua performance.

marica-pellegrinelli-sanremo-2016-3

Eros Ramazzotti ha intrattenuto il pubblico con un medley dei suoi più grandi successi, da Terra Promessa ad Adesso tu. L’ospite d’eccezione ha fatto fatica a distogliere lo sguardo innamorato da Marica, che applaudiva e cantava emozionata in prima fila sulle note di Più Bella Cosa. E poco importa che l’abbia scritta per Michelle Hunziker, l’amore cambia, evolve e si ripresenta a sorpresa.
Mamma di Raffaela Maria e Gabrio Tullio, Marica Pellegrinelli era stupenda in un lungo abito nero Atelier Versace, tutto reti e trasparenze.
Bella più di Irina Shayk che l’ha indossato in sfilata e così luminosa da far impallidire anche Madalina Ghenea.
Potere dell’amore che fa risplendere, sottolineato anche con un paio di romantici orecchini a forma di cuore.