Asia Nuccetelli e i presunti “ritocchini”: “Ho lavorato sul mio aspetto fisico, ora mi sento bella”

ROMA – Asia Nuccetelli torna a far parlare di sé. Dopo la bufera social che l’ha travolta per gli interventi estetici ai quali si sarebbe sottoposta, la figlia di Antonella Mosetti ha risposto alle critiche in un’intervista a Gente, nella quale rivela: “Oggi sono una giovane donna nuova, fuori e dentro. Ho lavorato su me stessa e il mio aspetto fisico: ora sono finalmente sicura. E mi sento bella”.

41804599 (1)

Come riporta il sito ilGiornale, l’ex concorrente del Grande Fratello Vip nell’intervista ha parlato a cuore aperto anche di un dramma con cui ha convissuto durante l’infanzia: “Da piccolina sono stata tanto tempo in ospedale. Soffrivo di epilessia. Non potevo stare in ambienti con luci sparate, psichedeliche, con rumori forti, dovevo guardare la tv con occhialini dalle lenti blu. Ero monitorata costantemente e prendevo 100 gocce al mattino e 100 la sera per evitare attacchi epilettici”.
Poi il lieto fine: “A 12 anni, all’improvviso, da una Tac è emerso che ero guarita. Se Dio mi ha salvato da quel male vuol dire che, nella vita, mi ha destinato a qualcosa di bello”.

Il dramma della ‘bambina farfalla’ con la pelle fragilissima: “Non posso nemmeno mangiare”

Non può mangiare, non può abbracciare nessuno, qualunque movimento brusco le causa dolorose e pericolose lacerazioni della pelle. Questa è la condizione in cui è costretta a vivere Madisyn Yuhas, 18enne di Madyson, in Pennsylvania, che ha deciso di mostrare le foto della sua malattia per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema.

pellle-delicata_23184515

Le immagini che mostra la ragazza sono molto forti: la sua pelle è coperta di vesciche e fasciata dalle bende a causa delle continue lacerazioni. Madisyn si alimenta con un tubo, visto che la masticazione le crea dolorose ferite in bocca. La patologia della ragazza è detta dei “bambini farfalla”, proprio perché chi ne soffre ha la stessa fragilità. Ogni minimo urto le può lesionare la pelle, ogni lesione può dare vita a delle infezioni potenzialmente mortali, come racconta la 18enne a Metro. A causa della sua malattia è gravemente in sottopeso e quando non riesce ad alimentarsi a sufficienza è costretta a dei ricoveri in ospedale per farsi delle flebo. La malattia di Madisyn colpisce una persona su 20 mila al mondo e purtroppo non esiste ancora una cura, né rimedi efficaci per lenirne i sintomi.

Antonella Mosetti in ospedale, la figlia Asia svela: “Piccolo intervento alle ovaie”

In tanti si erano chiesti il motivo del ricovero dell’ex ragazza di “Non è la Rai” Antonella Mosetti, che qualche giorno fa aveva pubblicato un selfie dal lettino dell’ospedale. A fare chiarezza è intervenuta la figlia Asia, che su Facebook ha spiegato la situazione: “Mamma ha avuto un piccolo intervento alle ovaie. Ora va tutto bene, è tutto risolto. Non nascondo che abbiamo passato delle vacanze di Natale un po’ così”

c_2_articolo_3049907_upiimagepp

Mamma e figlia sono molto legate, come hanno avuto modo di dimostrare al pubblico dentro la Casa del “Grande Fratello Vip”, e hanno superato insieme questo brutto periodo che ora si è definitivamente concluso.
“Grazie per la vostra preoccupazione e le vostre domande, sono gesti che fanno bene al cuore. Sia il mio che il suo.. Ora sta in formissima come potrete vedere anche dai vari social quindi tranquillissimi” ha continuato Asia e in effetti mamma Antonella è già tornata in pista su Instagram, pubblicando un selfie sensuale con indosso un body di lustrini che mette in evidenza il suo generoso décolleté.

Paura per Giorgia Surina, in ospedale per un’operazione

Momenti di tensione per Giorgia Surina, attualmente su Rai 1 con la fiction “Non dirlo al mio capo”. L’attrice ed ex veejay di Mtv è stata operata per l’asportazione di un tumore benigo. «Un po’ di Rock and Roll come anestesia, grazie.

giorgia-surina

Per il risveglio fatemi sentire il vostro affetto! #everythingwillbealright», ha scritto sui social.
Al risveglio la bella Giorgia ha rassicurato i fan con un «E’ tutto apposto amici! Grazie per i vostri messaggi. Mi hanno aperta e richiusa come una scatoletta di tonno ma almeno il tumore (per fortuna benigno) ha fatto spazio al bello che verrà. Voi, se potete, fate prevenzione. Avete tutta la vita da guadagnarci. Questa è la realtà».