Stefano De Martino, che complicità con Elodie

L’intesa c’è ed è palpabile. Stefano De Martino ed Elodie De Patrizi sono stati pizzicati da “Chi” in atteggiamenti confidenziali alle porte di Bergamo dove il ballerino è impegnato in una campagna pubblicitaria. Tra chiacchiere e risate, De Martino sfodera il suo sex appeal togliendosi la maglia e la cantante “ricambia” con un lato b da 10 e lode appena coperto dagli shorts… che non sfugge all’ex di Belen.

C_2_articolo_3086105_upiImagepp (1)

Si conoscono dai tempi di “Amici” e c’è chi giura che tra Stefano e la seconda classificata al talent di Maria De Filippi ci sia sempre stata una certa sintonia.
Non è da dimenticare e sottovalutare l’importante conoscenza che i due hanno in comune e che in qualche modo potrebbe creare qualche scrupolo, Emma Marrone. Per lui resta l’ex fidanzata con cui c’è stato un innocente riavvicinamento di recente, Elodie invece ha vissuto per qualche mese a casa della cantante salentina. Poi senza dare troppe spiegazioni se n’è andata definendo di recente troppo “ingombrante” la figura della Marrone. E, giusto per chiudere il cerchio, la De Patrizi ha messo fine alla sua storia d’amore con Lele Esposito, anche lui nato nel talent della De Filippi.
Insomma, grandi cambiamenti nella vita di Elodie… senza dimenticare i cari “Amici”, come Stefano. I due, come documenta il settimanale di Alfonso Signorini, al bar scherzano, mettono la mano sulla spalla e ridono, poi De Martino si sfila la maglia mostrando muscoli e addominali a petto nudo, mentre Elodie si dà una sistematina ai pantaloncini in jeans mettendo in risalto le sue curve sensuali. Immagini che non sono sfuggite al ballerino che su Instagram Stories ha commentato così: “Promemoria: regola per non cadere nella rete del gossip… Mai toccare la spalla delle persone con cui parli”.

Il bikini compie 70 anni: ecco come è nato il costume da bagno più sexy

Il bikini compie settanta anni, ma non li “dimostra”. Il costume da bagno, infatti, resta il capo d’abbigliamento più popolare per le donne in riva al mare. Il compleanno è domani cinque luglio. Come dimenticare la scena cult in cui una splendida bond girl Ursula Andress esce dall’acqua indossando un costume molto succinto? Il bikini nel 1962 non era ancora così diffuso e sin dalla nascita aveva dato scandalo, ma di lì a poco sarebbe stato amato da tutte le donne.

493907cba6a6b05e6d5b94d838f2ae9b

L’invenzione del due pezzi arriva nel 1946 creata da Louis Reard che lo paragonò per importanza alla bomba atomica che pochi giorni prima era stata testata dagli americani nell’atollo di Bikini (da qui il nome).Louis dovette chiamare una spogliarellista a indossarlo durante la presentazione. Il costume da bagno nei primi anni del Novecento era una tunica abbinata a un paio di pantaloni attillati che gradualmente, con il passare del tempo, lasciarono scoprire gambe e braccia.

gif-bikini

Nel corso degli anni le donne iniziarono a sperimentare anche altri modelli: pantaloncini più corti e scollature più ampie sulla schiena. Più si andava avanti, più le misure si riducevano e negli anni ’20 le signorine da spiaggia iniziarono ad esibire le gambe! Molto si deve all’influenza internazionale di Hollywood che rese i costumi meno castigati. Proprio nel 1920 la stilista Coco Chanel lanciò per il popolo femminile i pantaloncini sopra al ginocchio e décolleté bene in vista, non solo un’evoluzione nel mondo della moda ma anche un invito ad abbronzarsi, cosa fino a questo momento poco apprezzata. Più elastici e definitivamente più corti i costumi da bagno degli anni ’30 che, ancora lontani dallo stile minimal e moderno, lasciavano intravedere uno spiraglio di luce.
Nel 1946 il costume due pezzi ha dato vita a una nuova moda, concedendo finalmente alle donne la libertà di poter mettere in mostra il proprio fisico, le proprie curve e anche le proprie imperfezioni.