Blasi, Bova, Parodi: i #LovyFighters Trussardi

Nuovo progetto speciale e importante in casa Trussardi. Il brand si unisce alla Onlus Doppia Fidesa, fondazione nata dalla volontà di Michelle Hunziker e Giulia Bongiorno, per combattere la violenza di genere attraverso attività di sensibilizzazione e prevenzione.

C_2_box_31904_upiFoto1F

Il progetto si chiama #LovyFighters e chiama a raccolta star del mondo dello spettacolo e influencer, che si sono messi in posa davanti alla lente di Julian Hargreaves con addosso la tshirt col logo dell’iniziativa. Sono tante le personalità che hanno sposato la causa, da Ilary Blasi a Silvia Toffanin passando per Ambra, Alessandro Cattelan, Isabella Ferrari, Ilaria Spada, Raoul Bova e molti altri.
Anche la Lovy Bag, la borsa iconica di Trussardi, scende il campo per il progetto e, declinata in un colore rosso fuoco, diventa simbolo di lotta, supporto e sensibilizzazione.
Erano tanto i vip che a Palazzo Trussardi hanno partecipato all’evento di lancio della campagna e all’inaugurazione della mostra fotografica. In prima fila ovviamente le donne di casa: Gaia Trussardi in fucsia, Michelle Hunziker con un delicato completo e Aurora Ramazzotti che ha optato per il rosso.

Il dramma di Alba Parietti: “Ho avuto il cancro…”. Il post choc

A pochi giorni dalla puntata di Report sui vaccini contro il papilloma virus, in un post su Facebook Alba Parietti racconta il suo dramma: “Anch’io ho avuto il cancro”. Ecco il suo racconto: “Nell’estate 1997 a 36 anni a causa del papilloma virus, venni sottoposta d’urgenza, a un’operazione chirurgica che ,grazie alla prevenzione e allo scrupolo del mio ginecologo si rivelò risolutiva.

Alba_Parietti_2

Il papilloma mi aveva causato una neoplasia grave, tradotto in termini semplici: un cancro maligno al collo dell’utero, che senza la prevenzione mi avrebbe certamente portato a gravissime conseguenze. Se non alla morte in altri tempi”.
E continua: “Tutto era dovuto alla degenerazione del papilloma e trascuratezza da parte di medici poco capaci di fare diagnosi precoci. Pap test, colposcopia e biopsia che mi permise di prendere atto della mia grave patologia. Il papilloma non porta sempre al cancro, intendiamoci, ma può degenerare, va tenuto sotto controllo, se contratto . La vaccinazione è importante a mio avviso”. Per Alba fortunatamente c’è stato un lieto fine. “La mia storia è stata fortunata e io ho vissuto serena , ho avuto una vita assolutamente felice e normalissima, non bisogna avere paura di sapere, si combatte il nemico se lo si riconosce. Dopo l’intervento, tutto bene e senza conseguenze, festeggiai con le amiche che mi avevano accompagnato supportato, uscii senza nemmeno terapie successive di chemio o radio, ma dovetti fare solo un secondo intervento anni dopo che ha risolto definitivamente il problema. Senza menomazioni o traumi. Prevenire il peggio. La medicina e la ricerca ha fatto progressi. La prevenzione salva la vita. Le vaccinazioni pure. Progrediamo anche noi”.

Paura per Giorgia Surina, in ospedale per un’operazione

Momenti di tensione per Giorgia Surina, attualmente su Rai 1 con la fiction “Non dirlo al mio capo”. L’attrice ed ex veejay di Mtv è stata operata per l’asportazione di un tumore benigo. «Un po’ di Rock and Roll come anestesia, grazie.

giorgia-surina

Per il risveglio fatemi sentire il vostro affetto! #everythingwillbealright», ha scritto sui social.
Al risveglio la bella Giorgia ha rassicurato i fan con un «E’ tutto apposto amici! Grazie per i vostri messaggi. Mi hanno aperta e richiusa come una scatoletta di tonno ma almeno il tumore (per fortuna benigno) ha fatto spazio al bello che verrà. Voi, se potete, fate prevenzione. Avete tutta la vita da guadagnarci. Questa è la realtà».