Levante: “Metto a nudo il mio dolore, si cade ma la vita sorprende sempre”

Che si possa fare musica rifiutando i talent Levante ne è la prova. La cantautrice (Claudia Lagona, ndr) è al suo terzo album, i suoi live sono sempre sold out e collabora con artisti come Max Gazzè, Fedez e J-Ax (Assenzio, ndr). Allontana il paragone con Carmen Consoli e va dritta verso la sua strada, che a 30 anni le permette di raccontare, come fa “Nel caos di stanze stupefacenti” che esce il 7 aprile, di quando si cade e ci si rialza dal dolore guardandosi allo specchio. Ma anche di abuso di social, violenza sulle donne e omosessualità…

C_2_articolo_3064634_upiImagepp (4)

E’ un album dedicato a chi è caduto e ha avuto il coraggio di rialzarsi, a me stessa in realtà, perché c’è tanto di me, perché nel dolore la vita ti sorprende sempre”, sottolinea. Immagina il disco come dodici stanze, in cui appunto ci si specchia: “In queste stanze c’è molto rumore, avevo bisogno di raccontare il caos che nasce dal profondo silenzio in cui mi sono ritrovata nell’ultimo anno”.
Quel dolore che le permette di mettersi a nudo, come nella cover del disco, in cui Levante appare bellissima, in slip e canotta mostrando le gambe, ma lo fa con il candore di una bambina: “Qualcuno ha criticato negativamente la foto e mi è dispiaciuto: se avessi voluto mettermi in mostra in maniera sexy avrei fatto altro. Io, nella mia stanza, sono così. E così mi sono voluta mostrare: una bambina di fronte a uno specchio”.
Lo stesso specchio che spesso ritroviamo nei social, che la cantautrice frequenta, senza però abusare come racconta nel primo singolo “Non me ne frega niente”: “Sono stata aggredita verbalmente dopo il mio giudizio negativo sul modo di manifestare solidarietà a Parigi in occasione degli attentati. Quello che è accaduto su Facebook dopo i fatti del Bataclan mi ha spinta a scrivere ‘Non me ne frega niente’. Rimasi scioccata, quel modo di esserci non mi era piaciuto e ricevetti commenti pesanti. Io non critico la rete, ma il modo poco educato di utilizzarla. Credo non ci siano grandi differenza fra realtà e internet, ma per strada non useresti mai quei modi che invece vengono utilizzati sui social. Mi dissocio dalla maleducazione”.
Nell’album Levante affronta anche temi come la violenza sulle donne e omosessualità. In “Gesù Cristo sono io” canta “una donna che si crede una regina ma in testa ha una corona di spine”: “Sono abituata a scrivere di me, questa volta, senza grandi pretese, ho voluto raccontare la storia delle donne maltrattate. Ho preso spunto da fatti biblici per raccontare la situazione di quelle donne che non hanno più il coraggio di esporsi. Perché, quando ami il tuo carnefice, non è facile chiedere aiuto”. Mentre “Santa Rosalia” è “una filastrocca dedicata a un’amica, scritta come se si volesse spiegare l’omosessualità ai bambini, con semplicità, parlo di una persona a me molto cara”.
La gavetta l’ha fatta nei pub e nei locali, ha detto no a X Factor ma oggi è soddisfatta: “Nel 2010 fui contattata per X Factor, invece decisi di partire per Leeds e di dormire per mesi sul pavimento del bagno. Forse non ho fatto la scelta giusta (ride, ndr). Non giudico chi fa i talent, credo siano due strade diverse ma comunque faticose. Ci vuole coraggio anche a fare tv, c’e’ il rischio di essere dimenticati. E’ necessario avere progettualità, altrimenti diventa un pericoloso salto nel vuoto”. Ma un giorno, forse, la vederemo a Sanremo: “E’ un palco che continuo ad ambire. Mi è caro, sono cresciuta guardandolo. In realtà sogno Pippo Baudo: sarebbe bello se potesse dire ‘l’ho inventata io’…”.

Stivali fetish, calze a rete e… occhio al seno: la Superstar sul red carpet si presenta così

Stivali in Pvc alti fino alla coscia, calze a rete e top che copre a mala pena le spalle e molto poco il seno. Lady Gaga ha illuminato così il red carpet dei Grammy Awards a Los Angeles.

1486970775637.jpg--

La cantante trentenne si è presentata sul tappeto rosso in compagnia dei Metallica, scatenando i rumors su un possibile progetto musicale in cantiere.

Jennifer Lopez, il suo fisico da teenager fa impazzire la Rete

Pancia piatta e t-shirt sollevata sopra il petto. Come una teenager Jennifer Lopez, 48 anni a luglio, pubblica un selfie “under cleavage”, ovvero con il se. no che si scopre dal basso, allo specchio e manda in tilt la Rete.

C_2_fotogallery_3008894_1_image

La popstar di origini portoricane dimostra come l’età non conti nulla per lei, che ha mantenuto un fascino e una bellezza senza tempo.
Una bellezza a cui non si è sottratto neppure Drake, rapper 30enne ex di Rihanna, con il quale, stando a i rumors, la cantante avrebbe da qualche mese un romantico flirt.
E a cui si è piegato anche il popolo social, dopo la pubblicazione dello scatto boll. ente di qualche giorno fa, con 900mila like e 17mila commenti in poche ore.

Jennifer Lopez, il selfie fa impazzire la rete: scollatura e lato B in vista

L’ultimo selfie di Jennifer Lopez su Instagram ha fatto impazzire i fan ottenendo un milione di like e oltre 31mila commenti in poche ore.

14955821_1278609915493984_3541293647327242217_n

Capelli raccolti in una coda, e con indosso solo un body nero scollato che mette in risalto il seno, lasciando scoperto il lato B, J.Lo appare davvero super sexy e più in forma che mai.

Valeria Marini, una sirena irresistibile

Una diva d’altri tempi, che sa come tenere alta l’attenzione e come conquistare il pubblico. Basta un video e la Rete impazzisce e lei, Valeria Marini, sorride sorniona mostrando le sue curve irresistibili e quell’aria intrigante che lascia senza fiato.

C_2_fotogallery_3002287_5_image

Posa in bikini. Non un bikini qualunque, ma un modello decisamente sexy con frange e poca stoffa. Lascia poco all’immaginazione, le curve si muovo sinuose e i follower vengono rapiti…

C_2_fotogallery_3002287_9_image

Da Cannes a Capri, da un red carpet a un altro evento mondano, dalla barca alla passerella, dal bikini all’abito da sera con la stessa disinvoltura e lo stesso sex appeal. Ci mette passione e carica erotica in tutte le sue mosse, cattura gli sguardi e attira l’attenzione. Ecco l’attrazione stellare per Valeria Marini.

Compra il vestito per il ballo di fine anno in rete, ma poi arriva la brutta sorpresa

Ordina un vestito su Internet ma quando arriva a casa resta profondamente delusa. Juliet Jacoby, ragazza di 17 anni della Florida, ha acquistato per il ballo di fine anno un vestito di cui si era letteralmente innamorata in rete sul sito Wanel.Quando è arrivato a casa l’entusiasmo ha lasciato il posto alla delusione: il tessuto era decisamente scadente, la gonna non era gonfia e tutto il vestito non era esattamente come nell’immagine vista in rete.

1682686_vestito-638x425

«Non appena l’ho mostrato a mia mamma, questa è rimasta sconvolta per qualche secondo, poi ha cominciato a ridere. Ho imparato la lezione: non mi affiderò mai più a siti come questo per acquistare degli abiti», ha raccontato la ragazza a Metro. Dopo la delusione e le risate Juliet ha deciso di condividere la sua, in fondo divertente, disavventura su Twitter. La 17enne ha voluto mettere tutti in guardia dalle truffe in rete ricevendo un grande consenso e molta solidarietà da parte di altri utenti.