Beve un bicchiere della sua urina ogni giorno: “Mi aiuta a stare in forma e a curarmi”

Beve ogni mattina un bicchiere di urina calda e se ne spruzza un po’ sul viso. Quella di Dave Murphy, 54 anni, sembra essere una vera e propria routine di bellezza. L’uomo ha perso 48 chili grazie a questo trattamento fai da te.

Father-of-two Dave Murphy, 54, drinking a glass of his own urine, from Basildon, Essex, Thursday 4th May, 2017. Dave has drank nothing but his own urine for the last five years and believes it to be the elixir of life, holding it responsible for his astonishing 8-stone weight loss, youthful looks and tip-top health. Dave Ð who went from 20 stone to 12 stone after drinking his own wee  Ð also believes that the practice of urine therapy could be a means of solving the world food shortage Ð and slashing peopleÕs grocery bills.  As most days, Dave survives on little else besides one grapefruit and two glasses of his own urine. His only indulgence is a small portion of chips from his local chippy three times per week. In fact for thirty days in 2012, Dave subsisted on nothing else but his own urine. Dave also uses his urine to moisturize his face and wash in. He maintains that wee is the ultimate anti-aging product.   ... SEE COPY AND VID   É  PIC BY NEWS DOG MEDIA É  +44 (0)121 517 0019

L’uomo è stato costretto a bere urina quando nel 2012 è rimasto disperso per 30 giorni, notando dei benefici sul suo corpo, ha così deciso di proseguire anche in casa: «Inizialmente la bevevo fredda», ha confessato l’uomo a Metro, «poi mi sono reso conto che calda dava anche maggiori benefici». Grazie alla sua urina Dave ha detto di aver perso oltre 40 chili, in questo modo infatti, ha meno bisogno di nutrienti dal cibo e dalle bevande, ottenendo attraverso la sua stessa pipì tutto quello di cui il corpo ha bisogno. «L’urina non fa bene solo se bevuta», ha aggiunto Dave, «dà molti benefici anche se ci si lava con essa: è un ottimo prodotto anti invecchiamento e aiuta anche nel trattamento dei dolori». Non è stato semplice ovviamente, inizialmente ha ammesso di essere stato disgustato all’idea di bere la propria urina e la mescolava con il succo di pomplemo, poi è riuscito a superare il suo blocco psicologico e oggi non potrebbe più farne a meno.

Vuole una pelle luminosa, il trattamento va storto: ​urla di dolore e viso bruciato

Georgie Aves, 26enne inglese, si è sottoposta a un trattamento per la cura del viso. Trattamento che ha finito per bruciarle la pelle. Accade a Londra. Come riporta il sito The Sun, la ragazza desiderava avere una pelle più luminosa. Così si è rivolta all’Harley Street Skin Clinic per una cura estetica dal costo di oltre 1500 euro.

1515999_20160129_114767_pelle_ok

I laser utilizzati dalla clinica le avrebbero però bruciato il viso, facendola urlare di dolore. E nonostante siano passati sei mesi dall’incidente, Georgie è ancora piena di cicatrici e cisti piene di pus, come se soffrisse di un’aggressiva forma d’acne. “La prima volta che mi sono guardata – racconta – stentavo a riconoscermi e sono scoppiata in lacrime”. Secondo i medici, si tratterebbe di un danno alle ghiandole che si trovano sotto il derma. E questo potrebbe causarle danni estetici irriparabili. Dal canto loro, i responsabili della clinica affermano che tutte le procedure sono state eseguite correttamente. Ma per Georgie la vita è davvero cambiata. Dalla vergogna, ha messo fine alla sua storia d’amore e ha paura a uscire con un nuovo ragazzo. Il suo obiettivo ora è solo quello di rendere illegale quel trattamento laser.

Lapo Elkann, il nuovo sito “su misura” è online

Il nuovo sito di Lapo Elkann, al link www.lapoelkann.com,da oggi è online. Il restyling prevede una nuova veste grafica. I contenuti testuali sono stati superati per lasciare il campo a una grafica immediata che rimanda con click a tutte le attività di Lapo.

95789_20150128_89247_99_526385_000002hMan mano che aumenteranno i progetti, le landing page si animeranno di nuovi elementi. Il progetto punta sull’estro e sulle capacità tecniche di un giovane web designer e creativo italiano di base ad Amsterdam: Marino Capitanio. Durante il mese di gennaio verranno rilasciate altre 3 versioni, molto diverse tra loro per trattamento ed estetica, create su misura.