Questa bimba oggi compie 42 anni (ed è una famosa showgirl): la riconoscete?

«Esattamente 42 anni fa»: così la splendida attrice Martina Colombari annuncia su Instagram il giorno del suo compleanno. Con una foto che la ritrae appena nata: «Martina nata a Riccione il 10/07/75».

martina-colombari-prima-e-dopo (1)

L’ex Miss Italia festeggia al fianco dei due uomini della sua vita: il marito Alessandro Costacurta con cui è legata da 13 anni e il figlio Achille. E a più di 40 anni ha un fisico da far invidia alle ventenni più in forma.
Martina ha iniziato giovanissima nel mondo dello spettacolo, nel 1991 all’età di sedici anni, quando Miss Italia le ha cambiato la vita vita. Da quel momento una carriera in ascesa come modella, conduttrice televisiva, attrice sul piccolo schermo e protagonista di calendari very sexy. E l’amore per il suo Billy che l’accomapgan da sempre.

Belen si confessa: “Da un anno sono in terapia”. Ecco il suo dramma

Belen ammette di andare in psicoterapia ormai da un anno. La showgirl argentina si è messa a nudo su Sette, l’allegato del Corriere della Sera, dove ha ricordato un episodio traumatico della sua adolescenza.

Belen-Rodriguez-520x245

«Da un anno vado dalla psicoanalista alla ricerca della bambina che non è mai stata e per dimenticare quella pistola che mi puntarono alla testa», ha confessato, «Dovevi prestare attenzione quando uscivi per strada – spiega Belen Rodriguez a Sette – non potevi tornare a casa da sola. Una volta, erano le nove di sera, stavo rientrando in macchina con una persona, quando ci ha fermato un uomo con un passamontagna e una pistola in mano. Sono stata presa per i capelli, tirata fuori dall’ auto e buttata per terra. Poi sono arrivati altri tre uomini armati che ci hanno portato dentro casa e hanno rinchiuso tutta la mia famiglia in bagno. Hanno svaligiato la nostra abitazione senza pietà, si sono portati via la vita di una famiglia, l’hanno distrutta. Il giorno dopo, quando ci siamo liberati e abbiamo dato la notizia, mio nonno paterno è morto d’infarto. Da quel momento per me è stato un inferno, non volevo stare a casa da sola, avevo paura di essere ammazzata, ero una ragazzina adolescente che aveva visto la morte in faccia». Nell’intervista ha poi ammesso di essere in terapia da uno psichiatra e alla fine ha parlato anche di don Roberto Cavazza, il sacerdote conivolto negli scandali a sfondo sessuale con don Andrea Contin: ”Lui mi è piaciuto tanto, un prete così moderno, pure un bell’uomo, simpatico”.

Gli uomini stressati preferiscono le curvy

Bionde o more, l’importante che siano curvy. Sono proprio le donne formose quelle ad essere preferite dagli uomini, almeno quelli stressati, che come rivela un nuovo studio inglese, tenderebbero a essere attratti dalle donne con qualche chilo di troppo. Secondo i ricercatori della University of St Andrews, in Scozia, più un uomo è sottoposto a esperienze stressanti, più tenderà a trovare attraente una donna dalle forme generose, come la modella statunitense Ashley Graham, preferendola a ragazze dal corpo esile.

Ashley-Graham-Lingerie-Cinquanta-Sfumature-di-Grigio-modelli-640x320

Gli esperti, scrive il ‘Mail Online’ ritengono che le donne troppo magre risultano più fragili e meno predisposte alla riproduzione agli occhi di chi è sotto stress. La ricerca ha coinvolto un gruppo di uomini, tutti sulla ventina, che sono sottoposti a 10 giorni di duro allenamento in un campo di addestramento militare. A tutti sono state mostrate le immagini di 5 donne, chiedendogli di indicare, con intervalli di tempo di tre giorni, quella che consideravano più attraente.  Gli uomini che hanno riportato un alto livello di stress hanno trovato più attraenti i volti di donne formose e mascoline, mentre il gruppo di quelli più rilassati ha optato, al contrario, per donne più emaciate. “Questo studio – ha detto Carlota Batres, ricercatrice della St Andrews University – mostra che le nostre preferenze sessuali variano a seconda della situazione e dell’ambiente nel quale ci troviamo”.  La ricerca, pubblicata sul giornale ‘Ethology’, suggerisce inoltre che una donna con un fisico particolarmente asciutto può suscitare l’idea della malattia in un uomo particolarmente stressato. “Studi condotti in passato – ha evidenziato uno degli autori della ricerca, il professor David Perrett – hanno dimostrato che le popolazioni che vivono in parti del mondo dove la vita è dura preferiscono donne con qualche chilo in più”.

Irina Shayk nuda su Gq: “Io con una donna? Mai! Sono russa: amo gli uomini e i gioielli”

Il corpo perfetto di Irina Shayk è il protagonista del numero di settembre di GQ Italia. La top model russa è ritratta in esclusiva per il magazine dal fotografo-star Mario Sorrenti, che la immortala nella stessa posa in cui fotografò Kate Moss nel 1993.

C_2_fotogallery_3004373_3_image

Ad intervistarla è invece lo stilista Riccardo Tisci, a cui la la Shayk svela “da piccola non pensavo di essere particolarmente carina: pensavo di essere orribile e di non piacere a nessuno”.”Sono nata e cresciuta in un piccolo paese. A 14 anni avrei dato non so cosa per essere un ragazzo: pensavo di essere orribile e di non piacere a nessuno” racconta Irina, che si dice “fiera di essere russa”. Innamorata del suo Bradley Cooper, la Shayk esclude di poter desiderare una donna e alla provocazione risponde: “Sono russa, preferisco gli uomini, i diamanti e il caviale.”
Delle sue umili origini, ricorda di “non aver mai preso un aereo fino ai 19 anni” e alla domanda di Tisci sul momento più imbarazzante della sua vita, Shayk svela che è stato “quando, a vent’anni, sono andata a Parigi per la prima volta. Non avevo niente da mettermi e a volte neanche da mangiare. Ricordo di quanto fossi in imbarazzo con le altre modelle per il modo in cui ero vestita”. Ma anche senza nulla addosso, cara Irina, non passi certo inosservata…

Ilaria D’Amico: “Lascio il programma Sky, l’hanno chiesto gli uomini della mia famiglia”

“Lascio il programma, me lo hanno chiesto gli uomini della mia famiglia”. Lo ha detto oggi pomeriggio Ilaria D’Amico in diretta durante Sky Calcio Show.

ilaria-amico-130114182539_big

La conduttrice del canale satellitare, compagna di Gigi Buffon a cui fa chiaramente riferimento, è incinta e nei prossimi mesi si dedicherà al suo bambino. “Per quest’anno lascio il programma, devo prendermi il mio tempo da mamma. Me lo chiede lui – riferendosi al figlio in arrivo – Me lo hanno chiesto gli uomini della mia famiglia e me lo sono chiesto io. Ora voglio dedicarmi a un’altra avventura stupenda”. Al suo posto per il resto della stagione ci sarà Alessandro Bonan. “Sky calcio show sarà condotta dallo stile e dall’esperienza scanzonata di Alessandro Bonan”. Ha detto la D’Amico.

“Sei sposata? Hai figli? Se non rispondi il colloquio finisce qui”. Il post di Paola scatena il web

Il curriculum? Non conta. Troppo spesso quel che conta davvero, se sei una ragazza di 28 anni che sta cercando un lavoro, è se tu sia sposata o abbia figli.
E’ la denuncia (diventata virale) di Paola Filippini, aspirante fotografa che nel frattempo cerca un impiego come hostess in alloggi turistici.

image

E davanti all’ennesimo datore di lavoro che prima di ogni altra cosa le ha chiesto di definire il suo “stato civile” ha rifiutato di rispondere, venendo quindi messa alla porta senza tante cordialità. Paola però si è sfogata sul suo profilo Facebook, raccontando il colloquio per filo e per segno in un post che è stato condiviso 33mila volte. «Posso non rispondere?», aveva chiesto Paola al datore di lavoro. Lui, il signor M.M., ha risposto con un semplice «Certo. Allora ti puoi anche accomodare fuori, per me il colloquio finisce qui». Alla richiesta di spiegazioni della ragazza, l’uomo ha rincarato la dose: «Devo sapere se sei sposata e se hai figli, perché questo determina la tua disponibilità lavorativa». «E’ offensivo, è bruttissimo, è una VIOLENZA – scrive Paola su Facebook – Perchè non importa se hai studiato, se hai lavorato tanti anni, se hai fatto gavetta, se hai un bel Cv. Importa se hai figli. Perché se li hai, è meglio che tu stia a casa ad allattarli (…) Le donne devono sapere che non si devono mai abbassare a queste offese e gli uomini devono sapere che esistono tanti uomini di merda a questo mondo. Proprio ieri ne parlavo con alcuni colleghi, fatalità oggi mi è successo, di nuovo. Ho perso la possibilità di un lavoro, ma non mi importa niente. Ho salvato la mia dignità, ho mantenuto la mia privacy. La condizione della donna al giorno d’oggi è ancora molto difficile».

Incidenti d’auto, le donne sono meno pericolose degli uomini

4051-donne-al-volante«Donna al volante, pericolo costante»? Questo detto sembra essere smentito dai dati che la compagnia di assicurazioni Direct Line ha raccolto e pubblicato. In Italia, stando a questa ricerca, le donne sarebbero molto meno pericolose degli uomini. 
Il 60% delle automobiliste non è mai rimasto coinvolto in incidenti. Questo è il primo dato che sorprende e fa riflettere, dal momento che per quanto riguarda gli uomini la tendenza è invertita.  L’indagine poi prosegue anche sulla responsabilità dei sinistri: solo il 7% degli intervistati ha ammesso di aver provocato un incidente, mentre il 36% incolpa gli altri automobilisti coinvolti. Chi invece ammette di aver causato un’incidente almeno la metà delle volte è il 35%, mentre il 23% parla di concorso di colpa.  Interessante anche la diversificazione anagrafica e geografica degli incidenti. I guidatori tra i 18 e i 24 anni, per inesperienza e poca attenzione, risultano essere i più pericolosi, mentre la fascia d’età più virtuosa è quella compresa tra i 35 e i 44 anni. Per quanto riguarda invece le varie province d’Italia, il titolo di ‘automobilisti più virtuosi’ va ai veronesi (il 73% di loro ha dichiarato di non essere mai rimasto coinvolto in un incidente), seguiti poi in classifica da romani, fiorentini e cagliaritani (46%). Gli automobilisti peggiori, invece, sono i bolognesi e i bresciani: tra loro, un buon 7% ha superato i cinque incidenti d’auto all’anno. Leggermente meglio, ma è una magra consolazione, i milanesi: il 66% di loro ha raggiunto, pur senza superare, il limite dei cinque sinistri annuali.

Le cose da evitare al primo appuntamento: le regole di base

Vi siete incontrati in un bar o a casa di amici, un bicchiere di vino, due chiacchiere e sei riuscito/a ad unghie,sexy,naturali,donne, uominiavere il suo numero di telefono. Gli/le proponi di vedervi e accetta volentieri. È fatta! Ora c’è solo da aspettare qualche giorno per rivederlo/a…ma sei sicuro/a di saper fare le mosse giuste? E se il primo appuntamento si rivelasse un flop? Doctissimo ti dà alcune dritte da seguire per arrivare con successo al secondo, al terzo, al quarto…

La regola di base
Alcune dritte
Parola d’ordine: originalità!

Le regole di base

L’onestà paga, quasi sempre. Quando incontriamo qualcuno che ci piace tendiamo tutti a dare il meglio di noi stessi: questo non vuol dire però mentire su chi si è davvero. Cercare di mostrarsi brillanti e spumeggianti anche quando in realtà il sabato sera si preferisce restare a casa in pigiama a vedere la tv non serve a niente. Cercate piuttosto una via di mezzo: vi piace andare in discoteca tutti i weekend? Dite che amate ascoltare musica e divertivi con i vostri amici. Siete amanti dei documentari di guerra e dei film in bianco e nero anni Venti? Declamate la vostra passione per tutto ciò che è vintage e di classe.

Immaginate quindi il primo appuntamento come un colloquio: far vedere all’altro/a di essere adatti per quel lavoro, che anche se non si è perfetti (esiste davvero qualcuno che lo è?) potete sempre imparare e crescere.

Non vi stiamo dicendo di mentire ma di abbellire la realtà e rendervi interessanti agli occhi altrui: facendo così nessuno potrà mai un giorno dire di aver mentito o di aver omesso la verità. In compenso avrete molti aneddoti divertenti da raccontare ai vostri nipotini!

Non dimenticate infine che gli eccessi sono sempre poco graditi e che essere troppo gentili o troppo simpatici desta perplessità anche nel partner più tollerante.
Alcune dritte

Ad essere selettive sono più che altro le donne, che si infastidiscono e “eliminano” potenziali pretendenti per le motivazioni più diverse. Il calzino di spugna bianco che si intravede sotto i pantaloni o le unghie sporche sono degli ottimi deterrenti anche per la ragazza più focosa, così come una giovane donzella che sfida il suo lui ad una gara di rutti non risulta affatto sexy per un uomo. Ma essere naturali, o almeno far finta di esserlo, è la chiave di volta per conquistare l’altro in un baleno, il punto è: come creare quell’incastro mentale che fa scintille? Si tratta davvero solo di chimica? Non si può negare che quel quid che ci spinge verso una persona c’è o non c’è…ma si può lo stesso cercare di stuzzicare la curiosità dell’altro/a per assicurarsi lo stesso un altro appuntamento. E chissà che la scintilla non scatti più in là!

Parola d’ordine: originalità!

L’atto sessuale non inizia quando ci si tolgono i vestiti. Una conversazione stimolante risulta molto più eccitante di mille preliminari: l’uomo non deve esagerare con i complimenti alla sua bella, rischia di sembrare costruito e la donna può tranquillamente mostrare di avere un cervello e una volontà propria e saperli usare. Spesso ci si nasconde dietro a stereotipi limitanti, che vedono il maschio come elemento più forte e la femmina sottomessa. Beh, vi sveliamo un segreto: il trucco per far durare una relazione è sentirsi al pari dell’altro, creare quindi un equilibrio di diritti e doveri che porta a creare un ambiente sereno senza che nessuno si senta schiacciato.

Detto questo, non bisogna comunque dimenticare che il gioco delle parti è molto importante per stabilire i comportamenti da adottare in una coppia. Chi laverà i piatti stasera? Che sia lui o lei non importa: il maschio non metterà a repentaglio la sua virilità toccando spugna e sapone, così come se una donna impara a cambiare una ruota non sembrerà per questo meno principessa.

Ognuna il suo rossetto e ognuno la sua clava quindi, senza dimenticare che ci sono uomini che si mettono in gonna e donne che amano i pantaloni…